Regolare il sistema immunitario con il CBD

In questo articolo parleremo di come regolare il sistema immunitario con il CBD. È importante notare che la marijuana ha effetti diversi sui sistemi immunitari sani e danneggiati.

Mentre le persone sane che usano la marijuana sperimentano un’immunità ridotta, quelle con malattie autoimmuni possono beneficiare dell’uso di marijuana. Poi vedremo come il CBD e il THC influenzano il sistema immunitario.

Cos’è il sistema immunitario?

Organi, globuli bianchi, anticorpi e sostanze chimiche compongono il nostro sistema immunitario. Questo sistema lavora insieme per difenderci dalle infezioni, dalle malattie e dai malanni causati da invasori esterni come batteri, virus, parassiti e funghi.

Come funziona?

Il nostro sistema immunitario fa di tutto per mantenerci in salute. Il suo scopo è quello di tenere i germi fuori dal nostro corpo, di ucciderli o di limitare i danni che potrebbero causare se entrassero nel corpo.

Quando il sistema immunitario funziona efficacemente, è in grado di determinare quali cellule sono nostre e quali sostanze sono estranee al nostro corpo. Stimola, mobilita, attacca ed elimina i germi estranei invasori che potrebbero danneggiare il nostro corpo.

Essendo stato esposto agli agenti patogeni, il sistema immunitario imparerà anche a conoscerli. Quando questo accade, il nostro corpo produce anticorpi per proteggerci da specifici agenti patogeni.

Questo è dimostrato quando si riceve un vaccino. Cioè, il nostro sistema immunitario sviluppa anticorpi contro le cellule estranee del vaccino, e riconoscerà ed eliminerà rapidamente queste cellule se riesposto ad esse. Se ci ammaliamo, il medico può prescrivere degli antibiotici per aiutare il sistema immunitario.

Tuttavia, è importante capire che gli antibiotici distruggono solo alcuni batteri, ma non sono in grado di uccidere i virus. Se il nostro sistema immunitario non funziona correttamente, può verificarsi un’infezione.

Inoltre, il sistema immunitario può lanciare un attacco anche quando nessun intruso è presente, o può continuare ad attaccare anche dopo che l’invasore è stato eliminato. Come risultato di queste attività, sono prevalenti i cosiddetti disturbi autoimmuni e le reazioni allergiche.

sistema immunitario

Come mantenere sano il sistema immunitario?

Come altre parti del nostro corpo, anche il sistema immunitario richiede nutrienti, riposo e un ambiente sano per funzionare correttamente. Alcuni cambiamenti nello stile di vita possono stimolare il sistema immunitario e prevenire la comparsa di malattie.

Si raccomanda quanto segue:

  • Smettere difumare.
  • Evitare il consumo eccessivo di alcol.
  • Mangia una dieta sana ed equilibrata, con molta frutta e verdura.
  • Perdere peso.
  • Esercitarsi regolarmente.
  • Dormire abbastanza.

Il CBD può aiutare a regolare il sistema immunitario?

Per capire la relazione tra CBD e il nostro sistema immunitario è importante capire la funzione del sistema endocannabinoide. Questo sistema fa parte del nostro sistema nervoso centrale ed è responsabile del buon funzionamento del nostro corpo. La sintesi degli endocannabinoidi e i recettori degli endocannabinoidi CB1 e CB2 aiutano il sistema endocannabinoide a mantenere l’omeostasi.

Il legame è il processo attraverso il quale gli endocannabinoidi e i recettori comunicano e lavorano insieme per governare il nostro sistema immunitario. Tuttavia, quando il nostro corpo crea endocannabinoidi, a volte non funziona efficacemente, come nel caso delle malattie autoimmuni.

Di conseguenza, il nostro corpo accetterà i cannabinoidi (derivati dalla marijuana) al posto degli endocannabinoidi difettosi. Entrambi i recettori CB1 e CB2 sono influenzati dal THC e dal CBD. Questi recettori sono cruciali perché i nostri neurotrasmettitori primari sono rilasciati attraverso di loro.

Da un lato, i recettori CB1 influenzano la risposta immunitaria, come l’infiammazione, mentre dall’altro, i recettori CB2 influenzano il dolore, la coordinazione e la funzione cerebrale, l’umore, l’appetito e i pensieri.

olio di cbd sistema immunitario

Impatto del CBD sul sistema immunitario

Il CBD, o cannabidiolo, ha un’interazione indiretta con i recettori CB1 e CB2. Così, piuttosto che sostituire gli endocannabinoidi, il CBD stimola il corpo a produrne di più. Soprattutto, il CBD ha la capacità di inibire e stimolare l’attività del sistema immunitario.

Questo significa che l’effetto del CBD sul tuo sistema immunitario dipende interamente da come funziona il tuo corpo. In ricerche precedenti, il CBD ha dimostrato di aumentare la creazione di globuli bianchi in pazienti immunosoppressi, il che aiuta la risposta immunitaria nei pazienti con HIV.

Altre ricerche hanno anche dimostrato che il CBD diminuisce le risposte immunitarie come l’infiammazione nei pazienti con malattie autoimmuni, compresa l’artrite reumatoide. Di conseguenza, il cannabidiolo CBD dovrebbe essere considerato un modulatore del sistema immunitario, piuttosto che uno stimolante o un soppressore.

Come interagisce il CBD con il sistema immunitario?

Il cannabidiolo CBD, un componente non psicoattivo della cannabis sativa, è un fitocannabinoide che agisce sul sistema endocannabinoide e può aiutare a tenere sotto controllo il sistema immunitario.

TRPV2, o potenziale recettore transitorio vanilloide 2, è una proteina che aiuta le cellule a comunicare con il loro ambiente extracellulare. È anche essenziale per la salute del sistema immunitario. Il sistema immunitario può essere regolato con il CBD, poiché questo cannabidiolo stimola il TRPV2, così come altri canali di potenziale recettore transitorio (TRP) coinvolti nel supporto immunitario.

Inoltre, l’olio di CBD derivato dalla canapa può avere sia meccanismi diretti che indiretti per il mantenimento del sistema immunitario. Di seguito esaminiamo i diversi modi in cui il CBD e il sistema immunitario possono lavorare insieme per migliorare la salute immunitaria.

Aumento delle cellule killer naturali

L’olio di CBD ha dimostrato di regolare il sistema immunitario nella ricerca animale che esplora la salute autoimmune. Ciò avviene riducendo l’attività delle cellule T, delle cellule B e dei sottoinsiemi di linfociti T helper e citotossici. Al di fuori del contesto autoimmune, tuttavia, il CBD promuove l’attività delle cellule killer naturali, che sono un tipo di globuli bianchi.

La risposta del corpo alla presenza di virus è dominata dalle cellule natural killer. Inoltre, il CBD promuove anche l’attivazione delle cellule T killer naturali, che hanno caratteristiche delle cellule T e delle cellule killer naturali. Il CBD è stato trovato in vitro per avere attività che sono benefiche per le persone che desiderano mantenere un sistema immunitario epatico sano.

Mantiene un microbiota intestinale sano

Un altro modo di regolare il sistema immunitario con il CBD ha a che fare con il tratto gastrointestinale. In questa serie di organi c’è una grande quantità di tessuto linfoide organizzato, cellule effettrici innate e adattative sparse, che insieme costituiscono una grande percentuale del sistema immunitario.

Il microbiota intestinale, che non è altro che un insieme di batteri benefici e cattivi presenti nell’intestino, gioca un ruolo cruciale nel mantenimento di un sistema immunitario sano.

La permeabilità intestinale, la disbiosi del microbiota intestinale e una risposta immunitaria intestinale indebolita possono essere causate da un’eccessiva infiammazione intestinale. La buona notizia è che il sistema endocannabinoide è un meccanismo attraverso il quale il corpo combatte questa condizione.

thc sistema immunitario

Il THC influenza il sistema immunitario?

Per quanto riguarda la funzione immunitaria, il THC è particolarmente attivo. Si lega ai recettori CB1 e CB2. Tuttavia, quando il THC si lega ai recettori CB1, che controllano il funzionamento della mente, diventa una sostanza psicoattiva. Può anche bloccare i recettori CB1, che notificano il corpo se sente dolore.

Il meccanismo di legame ai recettori CB2 ha il maggiore impatto sul sistema immunitario. Si è scoperto che il THC innesca proteine immunosoppressive dopo essersi collegato ai recettori CB2 e aver colpito le cellule T, secondo uno studio del 1994.

Questa è una notizia incoraggiante per le persone che soffrono di malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide e il morbo di Crohn, perché ridurrà l’infiammazione nel corpo. Gli effetti del THC sulle scimmie infettate dal virus dell’immunodeficienza scimmiesca sono stati studiati dall’Università della Louisiana nel 2011.

La ricerca consisteva nel dare THC alle scimmie 28 giorni prima che ricevessero il virus dell’immunodeficienza delle scimmie. I risultati hanno rivelato che la carica virale è stata ridotta e la durata della vita del primate è stata prolungata.

cbd sistema immunitario

Risposta infiammatoria sana

Il CBD è ben noto per la sua capacità di controllare la risposta infiammatoria. Tale cannabidiolo promuove una sana risposta infiammatoria nei polmoni degli animali. Per esempio, nei topi esposti a un irritante polmonare, è stato trovato che migliora la funzione polmonare.

Il CBD ha migliorato i marcatori dei polmoni sani in uno studio, tra cui una minore resistenza ed elastanza polmonare totale, la migrazione dei leucociti nei polmoni, l’attività della mieloperossidasi nel tessuto polmonare e la concentrazione di proteine. Sono stati ottenuti anche livelli sani di citochine (TNF e IL-6) e chemochine (MCP-1 e MIP-2).

Questo potrebbe contribuire a migliorare la funzione respiratoria.

Effetto calmante in situazioni di stress

Lo stress psicologico a lungo termine è stato collegato alla perdita di immunità. Il CBD è noto per svolgere un ruolo importante in una risposta equilibrata allo stress. Il CBD attiva direttamente il recettore della serotonina 5-HT1A, a differenza dei cannabinoidi naturali, che agiscono sul recettore CB1.

Il potenziale del CBD di modificare il flusso sanguigno cerebrale nelle regioni del cervello coinvolte nell’ansia, come l’amigdala, l’ippocampo, l’ipotalamo e la corteccia cingolata, è anche legato alle sue proprietà antistress.

Articoli correlati

CBD per OCD

Gli effetti ansiolitici del CBD lo rendono efficace nel trattamento dei sintomi specifici dell’ansia dell’OCD Entra!

leggi tutto

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

0
Tu compra
Abrir chat