Come può CBD aiutare se si soffre di malattia di Crohn o colite ulcerosa?

La malattia infiammatoria intestinale comprende due dei disturbi che colpiscono più del 2,5% della popolazione spagnola secondo la Società Catalana di Digerologia: Malattia di Crohn e Colite Ulcera. Entrambe le malattie rendono difficile per i pazienti di giorno per giorno causando sintomi scomodi come diarrea e forti dolori addominali.

L’olio CBD ha proprietà antinfiammatorie che possono aiutare a lenire questi sintomi e migliorare il benessere dei malati. Successivamente, spieghiamo come e perché il cannabidiolo è in grado di aiutare a sgonfiare l’intestino e gli organi del sistema digestivo.

Qual è la malattia di Crohn?

La malattia di Crohn è una patologia cronica, caratterizzata da infiammazione nel tratto intestinale. Può influenzare qualsiasi parte del sistema digestivo, tuttavia, di solito è comune influenzare l’ultima sezione dell’intestino tenue, infiammato l’ileon. È anche comune trovare questo disturbo situato nella prima sezione dell’intestino crasso, nel colon. Anche se attualmente non ci sono prove scientifiche sufficienti per confermarlo, si ritiene che la malattia di Crohn sia causata da una scarsa regolazione del sistema immunitario. Il tratto intestinale affronta i batteri nella nostra dieta e nell’ambiente ogni giorno e qualsiasi fattore che influenza l’equilibrio può innescare sintomi per progredire. La malattia di Crohn è una patologia cronica, caratterizzata da infiammazione nel tratto intestinale. Può influenzare qualsiasi parte del sistema digestivo, tuttavia, di solito è comune influenzare l’ultima sezione dell’intestino tenue, infiammato l’ileon. È anche comune trovare questo disturbo situato nella prima sezione dell’intestino crasso, nel colon. Anche se attualmente non ci sono prove scientifiche sufficienti per confermarlo, si ritiene che la malattia di Crohn sia causata da una scarsa regolazione del sistema immunitario. Il tratto intestinale affronta i batteri nella nostra dieta e nell’ambiente ogni giorno e qualsiasi fattore che influenza l’equilibrio può innescare sintomi per progredire.

All’interno del sistema digestivo, i sintomi più comuni subiti dai pazienti con malattia di Crohn sono:

  • Dolore addominale
  • Diarrea
  • Fatica
  • Febbre
  • Perdita di appetito e peso
  • Sgabelli acquosi e insanguinati
  • Ulcere

Tuttavia, la malattia di Crohn può anche causare sintomi al di fuori del tratto gastrointestinale come:

  • Dolore articolare
  • Infiammazione del fegato
  • Problemi di pelle
  • Problemi agli occhi
  • Yagas in bocca
  • Anemia
ileon gonfio

Fattori che contribuiscono alla malattia di Crohn

I fattori che contribuiscono alla malattia di Crohn possono essere suddivisi in 3 categorie: i fattori che contribuiscono alla malattia di Crohn possono essere suddivisi in 3 categorie:

  1. Predisposizione genetica
  2. Fattori ambientali come inquinamento, cattiva alimentazione, infezioni, trattamenti antibiotici o farmaci antinfiammatori o fumo
  3. Una risposta immunitaria anormale che causa infiammazione

Una delle risposte più comuni del corpo a potenziali minacce batteriche è precisamente l’infiammazione:

Sappiamo tutti come funziona l’infiammazione quando, per esempio, cadiamo e ci facciamo una ferita o un taglio. L’area interessata diventa rossa e infiammata mentre il nostro sistema immunitario cerca di sbarazzarsi dei batteri e dei virus che si trovano nella ferita. Dopo alcuni giorni, quando il sistema immunitario ha finito il suo lavoro, l’infiammazione e il rossore cessano.

Nella malattia di Crohn, l’infiammazione e le ulcere si verificano nel tratto digestivo in modo che il sistema immunitario del nostro corpo funzioni per combattere batteri e virus nello stesso modo in cui fa con una lesione esterna. Tuttavia, a differenza dell’esempio precedente, una volta che le nostre difese sono state libere di virus e batteri, il nostro sistema immunitario non è in grado di identificare che il problema è risolto e “spegnere” o “mettere in modalità stand by”. Questo è il motivo per cui le ulcere rimangono fino a quando non possono essere trattate in medicina o con un intervento chirurgico. In breve, i pazienti affetti dalla malattia di Crohn soffrono di infiammazione cronica del tratto gastrointestinale che genera un gran numero di sintomi all’interno e all’esterno del sistema digestivo.

Quali sono le differenze tra la malattia di Crohn e la colite ulcerosa?

La colite ulcerosa è una malattia cronica con sintomi molto simili a quelli della malattia di Crohn. Entrambe le patologie formano il gruppo di malattie infiammatorie intestinali. Tuttavia, la malattia di Crohn può colpire qualsiasi parte del tratto digestivo mentre la colite ulcerosa colpisce esclusivamente il colon e l’intestino crasso.

olio di cannabis

Quali sono i benefici del CBD per i pazienti affetti da malattia infiammatoria intestinale?

Come suggerisce il nome, le malattie infiammatorie intestinali sono causate dal funzionamento anomalo del sistema immunitario che causa infiammazione cronica. Nel corso della storia, la pianta di cannabis è stata utilizzata senza base scientifica per lenire dolori addominali, diarrea e perdita di appetito Non sono tutti sintomi comuni di questo tipo di malattia cronica?

Recenti studi scientifici che studiano la relazione tra il consumo di cannabinoidi e questi effetti suggeriscono che c’è una reazione farmacologica in cui alcuni cannabinoidi migliorano i sintomi dei pazienti con malattia di Crohn e colite ulcerosa. In questo articolo abbiamo spiegato come il cannabidiolo è intervenuto con i recettori dei cannabinoidi CB1 e ha innescato un effetto antinfiammatorio. Ed è che, secondo un Studio dell’Università di Bath nel Regno Unito, in assenza di un endocannabinoide che il corpo dovrebbe produrre, CBD può essere la chiave che attiva l’interruttore di arresto del segnale infiammatorio emesso dal sistema immunitario in pazienti con malattia infiammatoria intestinale (IBD).

malattia di crohn e colite ulcerosa

Questo risolverebbe uno dei principali problemi causati da queste patologie e, soprattutto, i loro sintomi spiacevoli. Inoltre, si sta indagando sull’intervento dei recettori dei cannabinoidi nella barriera epiteliale,che potrebbe anche avere benefici terapeutici nell’infiammazione intestinale cronica. Tuttavia, ci troviamo di fronte alle prime evidenze scientifiche che rivelano pezzi del puzzle e dobbiamo continuare a ricercare tutti questi meccanismi per sapere come il nostro sistema endocannabinoide interviene con le diverse malattie infiammatorie dell’intestino. Non possiamo prenderlo come una cura per la nostra patologia, ma possiamo provarlo (con il consenso del nostro medico) se sperimentiamo miglioramenti quando consumiamo estratti di CBD o no.

come sgonfiare l'intestino

Prove aneddotiche di pazienti che utilizzano BENEFITS di olio CBD per alleviare i loro sintomi derivati da malattie infiammatorie intestinali segnalano i seguenti miglioramenti: Prove aneddotiche da pazienti che utilizzano oli CBD per alleviare i loro sintomi da malattie infiammatorie intestinali segnalano i seguenti miglioramenti:

  • In colite
  • Ridurre la diarrea
  • Aumento dell’appetito
  • Dolore addominale
  • Infiammazione

Articoli correlati

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Arrancamos con el Black Friday
Hasta un 50%DE DESCUENTO

Arrancamos con el Black Friday

Hasta un 50%DE DESCUENTO

Arrancamos con el Black Friday con hasta un 50% de descuento en algunos productos. Si quieres que te avisemos de las siguientes promociones, ¡suscríbete!

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra
Abrir chat