Altre piante che generano cannabinoidi

Ci sono altre piante che producono cannabinoidi oltre alla cannabis. Ci sono alcune piante discusse di seguito che contengono sostanze chimiche con una struttura simile al cannabinoide tradizionale, ma con un effetto biologico un po’ diverso. Di solito sono indicati come composti cannabimetici.

In altre parole, la cannabis non è l’unica pianta che produce preziosi fitocannabinoidi, nonostante la sua lunga storia di uso ricreativo e terapeutico. Le alternative ai fitocannabinoidi della cannabis includono cacao, pepe nero, echinacea, margherite elettriche e epatica giapponese.

Anche se la struttura di ogni pianta varia significativamente, tutte hanno un effetto curativo biologico.

Scoprire altre piante che producono cannabinoidi

Qui condividiamo con voi altre piante che generano cannabinoidi, con le loro caratteristiche distintive.

Cacao

La pianta del cacao, o Theobroma Cocoa, è un superalimento ricco di composti che rendono il nostro cervello “felice”. Il cacao è ricco di anandamide, un neurotrasmettitore creato naturalmente nel cervello. Il THC è la versione corporea dell’anandamide, che provoca una sensazione di euforia simile a quando si è fatti.

Tuttavia, otterrete tutti i benefici del cacao solo se non è trasformato e proviene da una fonte naturale. I tartufi neri, come il cacao, producono sensazioni di soddisfazione e felicità nel nostro corpo e nel nostro cervello.

cannabinoidi del pepe nero

Pepe nero

Questa è un’altra pianta che produce cannabinoidi. Infatti, il pepe nero è la pianta che assomiglia di più alla cannabis. Il beta-cariofillene si trova sia nel pepe nero che nelle varietà di cannabis. Questa sostanza è ciò che dà al pepe nero, e a molte varietà di cannabis, i loro aromi distintivi.

È anche importante notare che il pepe nero e la cannabis innescano risposte agli stessi recettori dei cannabinoidi. Non solo, entrambe le piante hanno qualità antinfiammatorie e analgesiche.

Acmella oleracea

Acmella oleracea è un bel fiore luminoso, che ci porta qualcosa di inaspettato e sorprendente. Questo fiore ha la capacità di inibire i recettori del dolore sulle terminazioni nervose. Sia la pianta Acmella oleracea che la Cannabis aiutano a ridurre il dolore e l’infiammazione nel corpo.

Si è scoperto che l’Acmella oleracea blocca i recettori del dolore sulle terminazioni nervose grazie a studi condotti all’Università di Cambridge. È stato a lungo usato come gel anestetico nella regione amazzonica.

I cannabinoidi chiamati N-isobutilammidi, che colpiscono i recettori CB2 e regolano il dolore e l’infiammazione in tutto il corpo, sono le sostanze che causano un efficace sollievo dal dolore.

Echinacea

È anche un’altra pianta che produce cannabinoidi. Questa pianta è usata per trattare i sintomi del raffreddore e dell’influenza. Anche condizioni come ansia, emicrania, stanchezza, nausea e artrite sono tra i sintomi che può alleviare.

Il modo in cui questo fiore riduce e gestisce il dolore, l’infiammazione e rafforza il sistema immunitario è paragonabile a quello della cannabis. L’echinacea, invece, usa cannabimetici invece di cannabinoidi per attivare il sistema endocannabinoide (in particolare il recettore CB1).

A causa della loro interazione con il sistema endocannabinoide, e in termini di dolore, infiammazione e sistema immunitario, gli N-alchil ammidi (NAA) trovati nell’echinacea sono estremamente paragonabili al THC.

piante che generano cannabinoidi

Epatica giapponese

Per le persone che hanno problemi con il loro sistema digestivo, questa pianta potrebbe fornire il sollievo di cui hanno bisogno. L’epatica giapponese è ben nota per la sua efficacia nel trattamento di vescica, fegato, cistifellea e altri problemi associati.

Inoltre, molte persone con difficoltà respiratorie, come la sinusite o la bronchite, possono anche beneficiare dell’uso di questa pianta. Questo perché, come la cannabis, l’epatica giapponese è efficace nel trattamento dei disturbi respiratori, specialmente quelli cronici.

Al di là dei loro benefici per la salute, che includono nessun effetto collaterale negativo, nessuna dipendenza, e tutto naturale, i fitocannabinoidi che interagiscono funzionalmente con i nostri recettori sono fondamentali per la nostra salute. Che si tratti di dolore, malattia o disturbi cronici.

Rododendro sinogrande

L’olio essenziale derivato dal Rhododendron sinogrande, una delle piante più antibatteriche del mondo, può distruggere tutto, dalle infezioni da stafilococco alle cellule tumorali, secondo i ricercatori italiani dell’Università di Padova.

tartufi neri cannabinoidi

Kawa-Kawa(Piper methysticum)

Conosciuta anche come Kava, questa pianta è cresciuta in popolarità come cura naturale per l’ansia nei paesi occidentali. Di conseguenza, è tradizionalmente usato in un tè medicinale per alleviare l’ansia, il dolore cronico e fornire effetti calmanti.

Come avrete notato, gli effetti della Kawa-Kawa sono notevolmente simili a quelli della cannabis. Questo perché una molecola di kava si lega allo stesso recettore del THC.

La pianta contiene anche una serie di sostanze chimiche note come kavalattoni, una delle quali, la yangonina, interagisce direttamente con il recettore CB1, che si trova in tutto il sistema nervoso centrale. I kavalattoni, come la cannabis, si legano alle regioni del cervello associate alla dipendenza e al desiderio.

Tartufi neri(Tuber melanosporum)

I tartufi neri producono la stessa anandamide, o “molecola della felicità”, della cannabis e del cioccolato, secondo gli esperti italiani. Come notato sopra, l’anandamide è un endocannabinoide prodotto naturalmente dal nostro corpo che influenza l’umore e la percezione del dolore legandosi ai recettori CB1.

È interessante notare che i tartufi sono molto più antichi della cannabis, secondo il ricercatore Mauro Maccarrone, che studia l’anandamide nei tartufi neri. Secondo uno studio recente, il tartufo nero esiste da circa 156 milioni di anni, mentre si ritiene che la cannabis esista da 70 a 110 milioni di anni.

piante di thc cbd

Conclusione

È importante notare che mentre tutte queste piante che generano cannabinoidi ci forniscono alternative ai fitocannabinoidi della cannabis e ai loro benefici, la cannabis ci fornisce i benefici di tutti loro in una sola pianta.

Anche se non dovremmo scartare completamente la medicina moderna, è una buona idea prendere in considerazione queste terapie alternative che non producono effetti collaterali negativi o presentano un pericolo di dipendenza.

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Suscríbete y recibe un
10%DE DESCUENTO

Suscríbete y recibe un

10%DE DESCUENTO

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente un código descuento de un 10% para tu próxima compra

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra