Il CBD contrasta gli effetti del THC?

La relazione tra THC e CBD è sempre stata oggetto di ricerca a causa dei diversi effetti che entrambi i cannabinoidi producono nel corpo. In questo senso, la domanda ricorrente nella mente di tutti è se il CBD contrasta gli effetti del THC.

È importante sapere come il CBD e il THC sono correlati, così come gli effetti che ciascuno produce nel corpo. Molte persone sono interessate a fumare olio di marijuana, ma non vogliono sperimentare gli effetti psicoattivi del THC.

Come fa il CBD ad annullare gli effetti del THC?

Quando il nostro corpo assorbe il cannabinoide delta-9 tetraidrocannabinolo (THC), produce risultati psicoattivi. Il risultato è dovuto all’affinità del THC per i recettori del cervello, in particolare il recettore CB1. Il recettore CB1 è il recettore più comune nel nostro cervello e si trova in grandi quantità nel sistema limbico.

Il sistema limbico è un gruppo di strutture su entrambi i lati del talamo, che si trova nella parte centrale del cervello. Questi includono l’ipotalamo, l’ippocampo, l’amigdala, così come altre regioni circostanti.

L’emozione, l’appetito, la sete, il dolore, il piacere, tra le altre cose, sono tutti regolati da questo sistema. Inoltre, la flessione di questo meccanismo può portare a effetti psicoattivi simili a quelli sperimentati quando si consuma cannabis.

Di conseguenza, cose come le gomme CBD sono diventate più comuni. Tuttavia, come può il cannabidiolo CBD contrastare gli effetti psicoattivi del THC?

Il CBD contrasta il THC

CBD e la sua interazione con il recettore CB1

In passato ci sono state teorie contrastanti su come il CBD interagisce con il recettore CB1. Una volta si pensava che il CBD avesse poco effetto sul recettore CB1, ma in seguito si è scoperto che è un debole antagonista, che si lega allo stesso sito del THC o dell’anandamide e ne blocca l’attivazione.

Il CBD, d’altra parte, è un modulatore allosterico negativo, cioè si lega a un sito sul recettore CB1 che è diverso da quello del THC, secondo la ricerca del 2017.

Il sito del recettore in cui il THC si lega è importante perché cambia forma come risultato di questo legame. Questo si traduce in un minore legame del THC e in una minore attivazione del recettore CB1.

L’integrazione di CBD ha ridotto la potenza e l’efficacia del 2-arachidonilglicerolo (2-AG) e del THC, secondo un rapporto del 2015 pubblicato nel British Journal of Pharmacology, che classifica il CBD come un modulatore allosterico negativo.

CBD vs THC: le prove suggeriscono risultati misti

Si è tentati di credere che il CBD possa contrastare gli effetti psicoattivi del THC, ma le prove sono contrastanti. Il CBD ha diminuito gli effetti del THC in alcuni casi e ha esacerbato gli effetti del THC in altri. Inoltre, dobbiamo notare che il CBD comunica con il THC attraverso una varietà di percorsi.

Il primo modo di comunicare è attraverso un sistema farmacocinetico in cui una molecola influenza il comportamento di un’altra. Il CBD ottiene questo effetto inibendo l’enzima CYP2C9, che aumenta i livelli di THC nel sangue.

Questo enzima è responsabile della metabolizzazione del THC. Si è anche scoperto che dare il CBD ai topi di laboratorio prima del THC ha portato a livelli più alti di THC nel sangue e nel cervello dei roditori.

La farmacodinamica diretta, in cui una molecola modula gli effetti di un’altra legandosi allo stesso recettore, è il secondo meccanismo. Il CBD ottiene questo risultato agendo come un modulatore allosterico negativo, riducendo l’attivazione del recettore CB1.

Il terzo meccanismo si verifica quando una molecola si lega a un particolare recettore e quindi modula l’influenza di un’altra molecola. La sedazione causata dal mircene, un terpene contenuto nella pianta di cannabis, che agisce sui recettori GABA-A, ne è un esempio.

Un altro meccanismo sarebbe la capacità del CBD di ridurre l’ansia legandosi al recettore della serotonina 5-HT1A. In una ricerca del 2016, otto diversi terpeni e tre diversi cannabinoidi sono stati scoperti per aumentare la potenza del THC al recettore CB1.

cbd thc

Il CBD contrasta gli effetti del THC o no?

Quindi il CBD può contrastare gli effetti psicoattivi del THC? La risposta breve è sì, ma la ricerca sugli animali ha dimostrato che la dimensione della dose di CBD, il rapporto di cannabinoidi, così come la durata del tempo in cui ciascuno è stato assunto, giocano un ruolo importante nel vedere l’impatto.

benefici del cbd thc

THC e CBD: benefici ed effetti collaterali

Molti dei benefici medici del CBD e del THC sono gli stessi. Possono dare sollievo a molti degli stessi disturbi. Ma è già chiaro che ilCBD non ha gli stessi effetti euforici del THC. A causa della mancanza di questo effetto collaterale, alcune persone possono scegliere di usare il CBD invece del THC.

Vantaggi CBD

  • Può essere usato per trattare le convulsioni
  • È anche noto per avere proprietà antinfiammatorie.
  • Può trattare la psicosi o altri disturbi mentali
  • È anche buono per le malattie infiammatorie intestinali.
  • Allevia la nausea
  • Combatte l’emicrania
  • Buono per l’ansia e la depressione

Benefici del THC

  • Può essere usato per trattare il dolore e gli spasmi muscolari.
  • Offre anche benefici nel trattamento del glaucoma.
  • Aiuta le persone che soffrono di insonnia
  • Riduce l’appetito e allevia la nausea
  • È anche buono per trattare i problemi di ansia

Anche in dosi elevate, il CBD è ben tollerato. Qualsiasi effetto collaterale legato al CBD è spesso il risultato di interazioni con i farmaci che stai prendendo.

cbd thc effetti collaterali

Effetti collaterali del CBD

  • Può causare diarrea e vertigini
  • Si può anche sperimentare l’affaticamento e la perdita di peso.
  • Inoltre, possono verificarsi cambiamenti nell’appetito.

Effetti collaterali del THC

  • Aumento della frequenza cardiaca
  • Bocca secca
  • Difficoltà di coordinazione
  • Perdita di memoria e ansia
  • Occhi rossi
  • Tempi di risposta più lenti

Va notato che tutti questi effetti collaterali fanno parte delle proprietà psicoattive del THC. È anche importante fare attenzione con alte dosi di THC, perché può portare a effetti psichiatrici controproducenti a lungo termine.

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Suscríbete y recibe un
10%DE DESCUENTO

Suscríbete y recibe un

10%DE DESCUENTO

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente un código descuento de un 10% para tu próxima compra

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra