Cos'è il tetraidrocannabinolo?

Spieghiamo tutto sulla componente psicoattiva della cannabis

Tetraidrocannabinolo,noto anche come THC,è uno dei principali composti attivi che possono essere trovati nella cannabis. È ciò che colpisce ciò che sono i neurotrasmettitori del corpo umano, producendo il noto effetto psicotropico della marijuana. Quali proprietà ha la marijuana?

Essendo questa pianta uno degli oppioidi più noti, è importante sapere come il THC può influenzare le persone quando lo consumano, sia per il trattamento medico o puro tempo libero.

Scopri quali benefici ed effetti collaterali tetraidrocannabinolo può avere quando interagisce con il sistema endocannabinoide del corpo umano.

Il composto chimico tetraidrocannabinolo e il corpo umano

Un altro nome che ha questo composto chimico è delta 9 tetraidrocannabinolo. A seconda di quale parte del corpo umano, gli effetti che offrirà saranno molto diversi.

Gli esempi includono:

  • Ipotalamo, creando disturbo dell’appetito e mangiando.
  • Cervello, alterando il ritmo cardiaco per indurre un maggiore rilassamento.
  • Isolarlo, rilassando questa ghiandola per ridurre le risposte al panico, allo stress e all’ansia.
  • La corteccia cerebrale, dove genera distorsioni nei processi cognitivi.
  • Ippocampo, riducendo la capacità di memorizzare in un breve periodo di tempo.
  • Ceriletto, riducendo la coordinazione e l’equilibrio dei consumatori.

Colpisce in misura maggiore o minore in ciascuno di questi organi dipende dalla resistenza naturale che ogni persona ha e i suoi recettori interni. Dipenderà anche, naturalmente, dalla dose utilizzata.

Endocannabinoidi

Come interagiscono i recettori dei cannabinoidi e il THC?

Quando si parla del sistema endocannabinoide, si fa riferimento a quel metodo di comunicazione che le cellule hanno tra loro.

All’interno di questo processo comunicativo, nella fessura sinaptica delle cellule, i recettori dei cannabinoidi svolgono un ruolo fondamentale.

E sono questi che hanno la capacità di trasmettere segnali, come informare altre cellule nel corpo sulla necessità di ottenere energia.

Per fare questo, esegue un’attivazione di acidi grassi chiamati endocannabinoidi, consentendola comunicazione.

Quando il THC viene introdotto nel corpo umano, i recettori dei cannabinoidi delle cellule lo assorbono,generando tutti i risultati che questo composto attivo genera quando consumato.

Di conseguenza, il glutammato che viene utilizzato come un neurotrasmettitore non scorre correttamente tra le cellule, producendo l’effetto rilassante che trasporta tutti gli effetti associati con THC.

Quali sono i vantaggi dell’utilizzo di tetraidrocannabinolo?

Al di là del suo uso ricreativo, la cannabis e il suo composto attivo possono essere molto utili quando si tratta di trattamenti medici.

Pertanto, alcuni dei benefici che possono essere ottenuti quando si utilizza il tetraidrocannabinolo come medicinale sono:

  • Analgesico, riducendo la sensibilità al dolore puntuale e cronico.
  • Rilassante muscolare, consentendo un riposo più lungo e completo.
  • Anti-infiammatorio, assistendo nei processi di guarigione di alcune lesioni permanenti e malattie.
  • Anti-nausea e anti-motion sickness, rendendo la vita più facile a chi è incline a queste circostanze.
  • Stimola l’appetito, rendendo i disturbi non un ostacolo a mangiare correttamente.

Il THC ha un uso medico in malattie come il Parkinson, l’osteoartrite, il dolore neuropatico e metastatico causato dal cancro e aiuta con la rigidità muscolare causata dalla sclerosi multipla.

È importante che l’uso di questo composto attivo sia sempre assistito da un professionista medico, fornendo il giusto dosaggio affinché i benefici che apporta siano sempre maggiori degli effetti nocivi.

Oppioidi

Quali effetti collaterali ha THC?

Anche se le sue proprietà aiutano ad alleviare i sintomi, disagio e dolore che si verificano durante alcune malattie, tetraidrocannabinolo ha anche alcuni effetti collaterali che dovrebbero essere considerati. Tra loro ci sono:

  • Sensazione costante di stanchezza e sonnolenza, che può influenzare il lavoro e le prestazioni quotidiane del personale.
  • Bocca secca, quindi ti consigliamo di bere costantemente.
  • Mal di testa e vertigini, che colpisce lo stato mentale della persona che ha usato THC.
  • Problemi di coordinamento, essendo la mancanza di equilibrio e la goffaggine delle mani gli effetti più degni di nota.

A seconda della dose e resistenza al THC, ogni persona può essere colpita più o meno intensamente. L’importante è conoscere voi stessi e scoprire quali limiti non devono essere superati.

sistema endocannabinoide

Dove si ottiene il THC?

Il THC si trova nei fiori femminili della pianta di marijuana, cioè nelle gemme ben note.

Queste hanno ghiandole di resina che, una volta essiccate, generano un processo e il THC che contengono ottiene le proprietà psicoattive indicate sopra.

A seconda del ceppo della pianta di marijuana, luce, umidità e alcune caratteristiche più, le proprietà psicoattive di THC possono variare in intensità. Oltre alla quantità di resina la pianta ha.

Attualmente attraversano la pianta di marijuana e la canapa per raggiungere una maggiore concentrazione di THC.

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Suscríbete y recibe un
10%DE DESCUENTO

Suscríbete y recibe un

10%DE DESCUENTO

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente un código descuento de un 10% para tu próxima compra

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra
Abrir chat