Spedizione gratuita su tutti gli ordini peninsulari!

Breve storia della marijuana

La marijuana è probabilmente una delle piante medicinali più antiche della storia dell’umanità

Ci sono prove del suo uso medico civiltà dopo civiltà, eppure il boom sociale che abbiamo vissuto nell’ultimo secolo ha coinciso con il suo periodo di criminalizzazione. Man mano che si rivelano i risultati di sempre più ricerche, cominciamo a comprendere il loro valore scientifico. Ecco una breve storia della marijuana con tutto quello che sappiamo fino ad oggi, una cronologia con tutte le prove storiche di Maria.

2900 a.C. – La marijuana è riconosciuta in Cina come erba medicinale

L’imperatore cinese Fu Hsi si riferisce alla marijuana come a una medicina popolare equilibrata che possiede lo Yin e lo Yang.

2700 a.C. – La marijuana in Oriente

Un altro imperatore cinese, Shen Nung, scopre le proprietà curative della marijuana, del ginseng e dell’efedra.

1500 a.C. – Il primo riferimento scritto nella cultura orientale

Il primo riferimento scritto noto alla marijuana si trova in un’enciclopedia farmaceutica cinese.

1450 a.C. – La prima apparizione della marijuana nella Bibbia dell’Antico Testamento

La versione originale ebraica dell’Esodo descrive un unguento sacro (30:22-23) contenente oltre 3 kg di kaneh-bosm. Il Kaneh-bosm (o canapa profumata) è stato identificato come cannabis in infusione con olio d’oliva e altre erbe aromatiche.

1213 a.C. – La cannabis nell’antico Egitto

Il polline della cannabis si trova nella tomba di Ramses II. I medici egiziani hanno prescritto la cannabis per il glaucoma, contro le infiammazioni e come clisteri.

1000 a.C. – La cannabis in India

Il bhang è una bevanda a base di cannabis mescolata al latte che veniva usata in India come anestetico e mucolitico oltre a curare altre malattie. Questo è l’inizio dell’uso medico della marijuana in India.

700 a.C. – Uso di marijuana in Medio Oriente

Nel libro Venity of the Zend-Avesta, i testi sacri persiani trovano testimonianze scritte del 700 a.C. che fanno riferimento al Bhang (la bevanda indiana a base di latte mescolato con la cannabis) ed elencano la Marijuana come la più importante delle 10.000 erbe medicinali.

600 a.C. – La cannabis in India come trattamento per i lebbrosi

In uno dei più importanti libri di medicina della cultura indiana Sushrita cita ancora una volta la cannabis come mucolitico e trattamento per i lebbrosi.

200 a.C. – La cannabis medica nell’antica Grecia

Nell’antica Grecia, la cannabis era usata come rimedio per le infezioni all’orecchio, l’edema e le infiammazioni.

1 d.C. – La marijuana nei libri medici cinesi

In un enorme compendio di medicina cinese compilato nel 1 d.C. (Pen Tsai Ching) c’è un pittogramma (carattere cinese 麻) della pianta di cannabis. Ricorda la foglia di cannabis come se fosse essiccata sotto il tetto di una capanna. In questo libro, la marijuana è consigliata per trattare più di 100 patologie.

una breve storia della cannabis

storia della cannabis
30 d.C. – Gesù usa unguenti alla cannabis

Nel Nuovo Testamento della Bibbia si dice che Gesù unse i suoi discepoli con una sostanza psicoattiva molto potente. Infatti, ci sono teorie secondo le quali Gesù guarì i malati con l’olio di cui all’Antico Testamento. Cristo significa “l’unto” e si suppone che Cristo sia stato unto con il crisma, l’olio cannabico super potente che anche altri sacerdoti usavano per avere visioni e parlare con Yahweh. Residui di cannabis sono stati trovati in vasi in Giudea e in Egitto in un contesto non solo medico ma anche psicoattivo.

70 d.C. – La cannabis nell’antica Roma

Pedanio Discoride, un medico greco che era medico nell’esercito romano, aveva studiato molte erbe e piante medicinali che aveva compilato nel suo libro “De Materia Medica”. Nonostante abbia pubblicato questo libro così presto nella storia, è stato un riferimento per la medicina fino all’inizio del XVI secolo. Questo libro comprende piante di cannabis femminile e maschile, cannabis acida e kannabis emeros rispettivamente. Discoride ha sostenuto che la canapa ha avuto usi terapeutici oltre a fare corda e tessuti per trattare il mal d’orecchi e anche eliminare il desiderio sessuale. Nel 79 un saggio romano scriveva che le radici della pianta di canapa bollita in acqua calda sono in grado di alleviare i dolori articolari, la gotta e altri dolori intensi.

200 d.C. – L’uso della cannabis anestetica nella medicina cinese

Il rinomato chirurgo cinese Hua To, che ha eseguito operazioni su organi complessi come l’intestino, ha usato una miscela di liquore con resina di cannabis (ma-yo per anestetizzare i pazienti ed eliminare il dolore durante le sue operazioni.

800-900 d.C. – Il dilemma della cannabis in Medio Oriente: medicina o veleno?

In epoca romana la cannabis era usata in medicina in Medio Oriente come rimedio per una grande varietà di malattie, dalle semplici emicranie alle infezioni gravi come la sifilide. Tuttavia, un medico arabo contemporaneo Ibn Wahahiyah ha scritto un avvertimento sui potenziali effetti dell’hashish, che ha descritto come un veleno letale.

1500 d.C. – I medici musulmani usano Maria per ridurre il desiderio sessuale

All’inizio del XVI secolo, quando l’Islam si stava diffondendo in India, alcuni medici persiani studiarono gli effetti della cannabis concentrandosi sugli effetti tardivi. Tra le altre cose, hanno usato la cannabis per inibire il desiderio sessuale.

1538 d.C. – La cannabis nel Medioevo

Durante il Medioevo la cannabis faceva parte di qualsiasi speziale come una delle più importanti erbe medicinali. William Turner, il naturalista britannico considerato il primo botanico a lodare la cannabis nel suo libro “New Herball” pubblicato nel 1538.

1578 – Gli usi della marijuana nella medicina tradizionale cinese

Una grande raccolta di Medicina Tradizionale Cinese (Ben Cao Gang Mu 本草纲目) descrive vari usi di Maria, tra cui il sollievo dalla nausea, dalle infezioni parassitarie e dalle emorragie. In Cina in questo periodo Maria era usata come rimedio molto popolare per curare la diarrea e l’anoressia stimolando l’appetito.

1600 d.C. – Shakespeare avrebbe potuto fumare marijuana

Nel giardino della casa di Shakespeare sono stati trovati sepolti 24 frammenti di pipe da fumo, che sono stati analizzati e hanno trovato tracce di nicotina, cocaina peruviana e cannabis. Thackeray, un manoscritto mai pubblicato, suggerisce che a Shakespeare piaceva usare la cannabis come stimolante e per i suoi effetti psicoattivi.

storia della marijuana

1611-1762 – Maria arriva e viene coltivata in Nord America

I coloni di Jamestown portarono la pianta di cannabis in Nord America nel 1611. Durante tutto il periodo coloniale, la fibra di canapa è stata una delle esportazioni più importanti. Nel 1762 lo Stato della Virginia concedeva sussidi ai coltivatori di canapa e infliggeva multe a chi non coltivava canapa.

1621 – La cannabis per curare la depressione

In “Anatomy of Melancholy” di Robert Burton, la cannabis è menzionata come possibile trattamento per la depressione.

1799 – Le truppe di Napoleone portano la marijuana dall’Egitto alla Francia

Napoleone invade l’Egitto con truppe che includono un team scientifico. Oltre alla scoperta della pietra di Rosetta, l’équipe porta in Francia la cannabis per essere successivamente studiata per i suoi principi sedativi e analgesici, in modo che cominci ad essere accettata nella medicina occidentale.

1840 – La regina Vittoria e la marijuana medica

La cannabis viene reintrodotta nella medicina britannica grazie a William O’Shaughnessy, un chirurgo di guerra inglese che aveva prestato servizio in India. In epoca vittoriana veniva utilizzato in innumerevoli trattamenti per diverse malattie. Tra le altre cose, la regina Vittoria usava la marijuana per alleviare i suoi crampi mestruali. Durante questo periodo la cannabis è diventata di nuovo popolare e “normale” nella medicina occidentale.

Farmacopea americana

1850 – La cannabis appare nella farmacopea americana

Farmacopea americana della cannabis

1906 – La cannabis e gli altri medicinali devono essere etichettati

In un’iniziativa per la sicurezza dei consumatori, il 30 giugno 1906, il presidente Roosevelt firmò il Wiley Act, una legge che avrebbe regolato l’etichettatura dei prodotti per impedire l’immissione sul mercato di prodotti velenosi o pericolosi. Anche la cannabis è stata regolamentata.

1915-1928 – Gli inizi del controllo e della restrizione della cannabis

Il primo Stato ad approvare la legge anti-marijuana fu lo Utah nel 1915. Gradualmente, i diversi Stati americani furono uniti fino al 1927, quando ci furono 10 Stati tra cui New York. La tendenza restrittiva si diffuse a livello globale e nel 1925 la Società delle Nazioni firmò un trattato multilaterale che limitava l’uso della cannabis al solo uso medico e scientifico. L’Egitto ha proposto di aggiungere le resine di cannabis (hashish) alla lista dei narcotici che saranno trattati dalla convenzione. Furono imposte restrizioni all’importazione e all’esportazione di cannabis e nel 1928 fu aggiunta alla legge britannica sulle droghe pericolose (Dangerous Drugs Act), dopo l’aggiunta della cocaina nel 1920.

 

1930 – Le aziende farmaceutiche americane continuano a vendere farmaci con Maria

Nonostante le restrizioni e le normative sulla cannabis, la crescente domanda di farmaci contenenti marijuana fa sì che le compagnie farmaceutiche negli Stati Uniti continuino a basare le loro medicine sulla cannabis come antidolorifici e sedativi.

1936 – Nuovi antidolorifici non a base di marijuana e la consapevolezza sociale della marijuana come droga pericolosa

Alla fine del 1936 tutti gli stati del Nord America avevano messo in atto leggi restrittive sulla marijuana. L’uso medico ha cominciato a diminuire a causa della sostituzione con nuovi principi attivi come aspirina, morfina, altri farmaci derivati dall’oppio che sostituiscono la marijuana nel trattamento del dolore nella medicina occidentale. Inoltre, in questo periodo è stato reso popolare il film “Reefer Madness”, che racconta la storia delle dipendenze del giovane protagonista che finiscono con la morte, gli scandali sessuali e la follia. Questo film è stato finanziato da un gruppo religioso ed è stato originariamente chiamato “Dillo ai tuoi figli”, facendo appello alla fede di tutti i genitori del paese.

1937 – La legge fiscale di Maria

A causa della dipendenza, della violenza e della criminalità dei consumatori di marijuana negli Stati Uniti, è stata firmata una mozione per regolarne l’uso e l’accessibilità da parte del popolo in un Marijuana Tax Act che registrerebbe tutto, dalla coltivazione fino all’acquirente finale di marijuana. Anche se non direttamente proibiti, gli effetti sono stati simili. Le prescrizioni di marijuana medica sono diminuite perché la maggior parte dei medici ha trovato più facile ricorrere alla prescrizione di altri farmaci piuttosto che passare attraverso tutta la burocrazia che comporta la prescrizione di marijuana medica ai loro pazienti. Inoltre, a quel punto tutti gli stati criminalizzavano il possesso e la vendita di marijuana.

1937 – Il primo detenuto per la vendita di marijuana negli Stati Uniti

Il primo giorno che è entrata in vigore la legge federale, l’FBI e la polizia di Denver Colorado hanno fatto irruzione nel Lexington Hotel e arrestato Samuel R. Cadwell e Moses Baca. Il primo è stato arrestato per la vendita, e il secondo, il suo cliente, come possesso di una sostanza soggetta a restrizioni. Caldwell è stato condannato a 4 anni di lavori forzati in un penitenziario e a una multa di 1.000 dollari, e Baca è stato imprigionato per 18 mesi. Entrambi hanno scontato la loro pena.

l'illegalizzazione della marijuana

marijuana ritirata dalla farmacopea americana

1942 – La marijuana viene tolta dalla farmacopea americana

1961 – Le Nazioni Unite elaborano un piano per il futuro della proibizione della marijuana

La Convenzione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti del 1961 afferma all’articolo 49: “L’uso della cannabis al di fuori del campo scientifico e medicinale dovrebbe essere interrotto al più presto in meno di 25 anni”. Il Congresso approvò quella convenzione nel 1967, e tre anni dopo fu approvato il Comprehensive Drug Abuse Prevention and Control Act, che pose le basi per le leggi federali anti-marijuana che conosciamo oggi.

1964 – Il THC viene sintetizzato per la prima volta

La principale componente psicoattiva della marijuana è stata rilevata nel 1964 da Raphael Mechoulam, professore di medicina chimica all’Università Ebraica di Gerusalemme. Fu anche il primo a sintetizzare il THC isolandolo dagli altri cannabinoidi.

1968 – Il Presidente Johnson crea il BNDD L’Ufficio degli stupefacenti e delle droghe pericolose

Il drammatico aumento dell’uso di marijuana e di altre droghe illegali nella seconda metà degli anni ’60 è stato preoccupante. In risposta, sono state create agenzie per combattere l’abuso di droga nel paese, compresa la marijuana.

1970 – La legge sulle sostanze controllate classifica la marijuana come non accettata per uso medico

Il Congresso approva il Controlled Substances Act come misura di prevenzione dell’abuso di droghe e qualifica la marijuana sotto la voce 1, sostanze con un grande potenziale di abuso, non accettando il loro uso medico nel trattamento negli Stati Uniti e il loro uso come non sicuro senza controllo medico.

1976 – La marijuana viene depenalizzata nei Paesi Bassi

La depenalizzazione della cannabis è di fatto adottata nei Paesi Bassi. Nel 1980 cominciarono ad emergere i cosiddetti coffee shop, in cui l’acquisto di piccole quantità di cannabis da parte di adulti è tollerato in modo informale e poi formalmente negli stabilimenti che hanno acquisito una licenza.

sistema endocannabinoide

1990 – Gli scienziati scoprono i recettori dei cannabinoidi

Mile Herkenham Senior Researcher presso il National Institute of Mental Health insieme al suo team di ricerca scoprono il sistema dei recettori dei cannabinoidi che aiuta gli scienziati a comprendere meglio gli effetti farmacologici dei cannabinoidi che si verificano quando il THC si connette con i recettori dei cannabinoidi nel cervello.

1992 – La scoperta del primo Endocannabinoide

Dopo 28 anni dalla scoperta del THC Mechoulam (lo scopritore del THC) con William Devane e Lumir Hanus identificano il primo cannabinoide endogeno nel nostro cervello – la versione naturale del THC creato dall’organismo umano che chiamano anandamide dal sanscrito “ananda” che significa felicità eterna. L’esercizio fisico intenso stimola la secrezione di anandamide e quella sensazione euforica di benessere. Si cominciano a formulare le prime ipotesi che il sistema endocannabinoide sia in grado di mediare le emozioni, di consolidare la memoria e di coordinare i movimenti.

1996 – La California è il primo stato a legalizzare la marijuana medica

1998 – Alaska, Oregon e Washington si uniscono per legalizzare l’uso medico della marijuana

2003 – Il primo paziente sieropositivo in Canada a ricevere un trattamento per la marijuana coltivata dal governo

legalizzazione della marijuana

Verso la legalizzazione della cannabis

2003 – Le farmacie olandesi iniziano a commercializzare la marijuana medica

2004 – La Gran Bretagna riclassifica la cannabis e riduce le sanzioni

La riclassificazione della cannabis da B a C è approvata, il che comporta minori sanzioni per il possesso del farmaco. Nel maggio 2008 è stato nuovamente riclassificato alla voce B e la pena per il possesso è stata di 5 anni di reclusione.

2010 – Il New Jersey diventa il 14° stato a legalizzare la marijuana medica

2014 – New York è il 23° stato a legalizzare la marijuana medica

2018 – La FDA approva il primo farmaco a base di marijuana

Epidiolex un farmaco contenente oli di cannabinoidi CBD puri è approvato per trattare i sintomi di alcuni rari casi di epilessia in pazienti di etàsuperiore ai due anni. L’approvazione di questo farmaco è il primo segno che tutto lo sforzo scientifico per dimostrare accuratamente i benefici dei principi attivi della cannabis ha la sua ricompensa legale.

2018- Il Presidente Trump legalizza la canapa industriale

La canapa industriale che non contiene il cannabinoide psicoattivo THC è legalizzata per la coltivazione e la commercializzazione.

2019 – Il governo degli Stati Uniti assegna un investimento di 3 milioni di dollari per lo studio del CBD medicinale sottolineando che nessuno di questi dollari sarà speso per la ricerca sui sottoprodotti contenenti THC.

2020 – La marijuana medica è legale in 35 stati americani e l’uso ricreativo in 11 di questi stati.

Articoli correlati

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Suscríbete y recibe un
10%DE DESCUENTO

Suscríbete y recibe un

10%DE DESCUENTO

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente un código descuento de un 10% para tu próxima compra

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra
Abrir chat