Spedizione gratuita su tutti gli ordini peninsulari!

CECD: deficit clinico di endocannabinoidi

In questo articolo parleremo della carenza clinica di endocannabinoidi, conosciuta semplicemente come CECD. È un disturbo associato a molteplici malattie e condizioni come gli spasmi esofagei, l’emicrania, la fibromialgia e anche la sindrome del colon irritabile.

Vale la pena ricordare che questo termine è stato coniato dal dottor Ethan Russo solo 17 anni fa, quindi oggi è ancora considerato una teoria. Per Ethan Russo ci sono molti disturbi cerebrali che hanno la loro origine in una carenza di neurotrasmettitori. Anche, che molte altre condizioni possono verificarsi a causa di una carenza di endocannabinoidi.

Cos’è la carenza clinica di endocannabinoidi (CECD)?

Una ricerca sul CECD pubblicata dallo stesso Russo nel 2016 mostra che la carenza di endocannabinoidi è legata alla sofferenza di fibromialgia, emicranie e sindrome dell’intestino irritabile.

Le carenze di marijuana, come è anche conosciuto, si basa sulla teoria che le malattie sono il risultato di problemi che si generano nel sistema endocannabinoide. Questo potrebbe verificarsi a causa di una carenza nella produzione di endocannabinoidi nel nostro corpo.

È anche possibile che sia dovuto all’assenza o all’anomalia dei suoi recettori. In altre parole, quando il nostro corpo non è in grado di mantenere in equilibrio i sistemi fisiologici, sorgono tutte queste malattie, tra cui
CBD fibromialgia
. La cosa interessante è che ad oggi, tutte queste malattie sembrano essere legate al sistema immunitario.

carenza di endocannabinoidi

Malattie derivanti dalla carenza di endocannabinoidi

Come accennato, la carenza clinica di endocannabinoidi CECD, porta a una serie di malattie e condizioni. Secondo il dottor Russo, questa carenza può essere la causa sottostante ai seguenti disturbi.

Emicrania

Si tratta di una malattia che colpisce diverse aree del nostro cervello così come diverse sostanze neurochimiche. Ad oggi, non si sa esattamente cosa causi l’emicrania, anche se si sa che la predisposizione genetica sembra essere un fattore determinante nel suo sviluppo.

La ricerca del dottor Russo su questo argomento rivela che l’anandamide è legata alla produzione di serotonina, così come la modulazione del dolore. I risultati indicano che alti livelli di serotonina contribuiscono all’insorgenza delle emicranie.

Pertanto, l’emicrania potrebbe essere contrastata con una maggiore concentrazione di anandamide. Secondo la teoria del dottor Russo, una carenza nella produzione di anandamide potrebbe causare l’insorgenza di emicranie come conseguenza di una mancanza di regolazione della serotonina.

CBD Fibromialgia

In questo caso si tratta di un disturbo cronico che causa dolore cronico a chi ne soffre. Oggi non esiste una cura per la fibromialgia, quindi solo attraverso la medicina tradizionale è stato possibile alleviare i sintomi. Gli studi del dottor Russo indicano che il sistema endocannabinoide ha la capacità di regolare le soglie nocicettive.

I nocicettori sono responsabili del rilevamento del dolore e, allo stesso tempo, della trasmissione di segnali al cervello in modo che queste informazioni possano essere elaborate. In assenza di questa regolazione, compaiono malattie che generano dolore cronico. E proprio come per l’emicrania, la serotonina può anche giocare un ruolo nella fibromialgia.

Finora, la ricerca ha rivelato che i cannabinoidi hanno il potenziale di bloccare i meccanismi spinali, periferici e gastrointestinali che promuovono l’insorgenza del dolore.

Sindrome dell’intestino irritabile

È anche una delle malattie che può avere la sua origine nella carenza clinica di endocannabinoidi CECD. La ricerca rivela che il ruolo dei cannabinoidi nello sviluppo della sindrome dell’intestino irritabile è simile a quello che succede con l’emicrania e la fibromialgia.

In altre parole, la serotonina sembra giocare un ruolo molto importante, soprattutto perché le persone con la sindrome dell’intestino irritabile hanno alti livelli di serotonina nel sangue. Tuttavia, è importante notare che questo non è vero per tutti i tipi di sindrome dell’intestino irritabile.

 

Il ruolo della serotonina

Come è stato descritto in ciascuna di queste malattie,la teoria indica che la serotonina è un fattore determinante nell’emergere di queste condizioni. Di conseguenza, attraverso il controllo o la manipolazione dei livelli di serotonina, è possibile sviluppare trattamenti per ogni malattia.

In questo senso, i cannabinoidi sarebbero una parte fondamentale di ogni trattamento. Questo è dovuto all’influenza che i cannabinoidi hanno su alcuni endocannabinoidi, come l’anandamide.

Questo significa che la carenza clinica di endocannabinoidi CECD potrebbe essere efficacemente trattata con farmaci cannabinoidi. Tuttavia, è importante chiarire che sono necessari più studi per capire meglio come la carenza di endocannabinoidi colpisce il nostro corpo.

cbd carenza clinica di endocannabinoidi

Il CBD può combattere la carenza clinica di endocannabinoidi?

È vero che le carenze di marijuana sono basate su studi scientifici, in nessuna di queste indagini è menzionato precisamente come potrebbe essere trattato. Infatti, il ruolo esatto dei cannabinoidi non è ancora del tutto chiaro. La teoria suggerisce che la produzione di anandamide sembra essere cruciale nel combattere le malattie che sono legate alla CECD.

Per quanto riguarda il CBD, gli studi hanno dimostrato che può inibire l’enzima FAAH, noto come idrolasi dell’ammide degli acidi grassi. Questo enzima contribuisce alla scomposizione dell’anandamide e impedisce che rimanga a lungo nel corpo.

Ciò che è interessante è che se i meccanismi o i fattori scatenanti potessero essere identificati, il CBD potrebbe molto probabilmente essere usato per trattare le suddette malattie. Si sa anche che il CBD può anche influenzare direttamente certi recettori della serotonina nel cervello.

Le caratteristiche di ogni malattia indicano molto probabilmente una relazione tra emicrania, fibromialgia e sindrome dell’intestino irritabile. Gli studi del dottor Russo indicano una potenziale complicazione con certi neurotrasmettitori che sono legati al sistema endocannabinoide.

Se l’esistenza di una carenza clinica di endocannabinoidi CECD fosse provata, sarebbe possibile sviluppare trattamenti mirati, e non accontentarsi di ricerche che per il momento sono solo teorie.

Articoli correlati

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Suscríbete y recibe un
10%DE DESCUENTO

Suscríbete y recibe un

10%DE DESCUENTO

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente un código descuento de un 10% para tu próxima compra

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra
Abrir chat