Sindrome dell'intestino irritabile e CBD

Il legame tra la sindrome dell’intestino irritabile e il CBD ha catturato l’attenzione della comunità scientifica. Questo perché una recente ricerca ha dimostrato che il cannabidiolo CBD potrebbe essere usato come un trattamento efficace per la sindrome dell’intestino irritabile.

Infatti, ci sono alcuni studi che indicano che il cannabidiolo promuove il corretto funzionamento del cervello e del corpo. In questo articolo parleremo della sindrome dell’intestino irritabile, dei suoi sintomi e dei potenziali benefici del CBD per il trattamento della condizione.

Cos’è la sindrome dell’intestino irritabile?

La sindrome dell’intestino irritabile, conosciuta semplicemente come IBS, è un disturbo che colpisce direttamente l’intestino crasso. Questa condizione causa dolore allo stomaco, diminuzione della motilità gastrointestinale e provoca anche disagio digestivo.

È importante notare che solo un piccolo numero di persone con la sindrome dell’intestino irritabile ha sintomi gravi. Mentre alcune persone possono controllare i loro sintomi modificando le loro abitudini alimentari, altre possono farlo cambiando il loro stile di vita e gestendo meglio lo stress.

Vale anche la pena ricordare che l’intestino tenue infiammato non causa cambiamenti nel tessuto intestinale. Inoltre non aumenta il rischio di cancro colorettale.

Sintomi della sindrome dell’intestino irritabile

L’infiammazione dell’intestino ha sintomi che possono variare da persona a persona e possono essere presenti per molto tempo. Questi sintomi sono i seguenti:

  • Dolore addominale, più crampi, o gonfiore che è legato ai movimenti intestinali.
  • Anche i cambiamenti nell’aspetto delle feci sono comuni.
  • Molte persone con la sindrome dell’intestino irritabile sperimentano anche cambiamenti nella frequenza dei loro movimenti intestinali.

Ci sono altri sintomi di un ileo infiammato che includono gonfiore, aumento del gas e muco nelle feci.

intestino tenue infiammato

Cosa causa la sindrome dell'intestino irritabile?

Non si conosce la causa esatta della sindrome dell’intestino irritabile. Tuttavia, alcuni fattori possono influenzare la sua comparsa. Questi includono i seguenti:

  • Cambiamenti nei microbi intestinali
  • Stress nei primi anni di vita
  • Una grave infezione o diarrea causata da un virus o un batterio
  • Anomalie del sistema nervoso digestivo
  • Contrazioni muscolari nell’intestino

Inoltre, molti dei sintomi dell’IBS possono essere innescati dal consumo di certi tipi di alimenti come il latte, i fagioli, il grano e il cavolo.

Cannabidiolo CBD e sindrome dell’intestino irritabile

La maggior parte delle persone che soffrono della sindrome dell’intestino irritabile spesso si chiedono: cosa fa bene alla sindrome dell’intestino irritabile? Anche chi soffre di ileo infiammato si chiede quale sia il miglior trattamento per curare questa condizione. La verità è che diversi studi suggeriscono che il cannabidiolo CBD ha il potenziale per trattare efficacemente l’IBS.

Come sappiamo, il CBD è un composto derivato dalla cannabis. Attualmente non ci sono prove che il cannabidiolo possa curare la sindrome dell’intestino irritabile. Tuttavia, la ricerca ha scoperto che può ridurre il dolore addominale, ridurre l’infiammazione gastrointestinale, così come la stitichezza e i crampi.

sindrome dell'intestino irritabile

Il CBD può aiutare le persone con la sindrome dell’intestino irritabile?

Anche se una dieta adeguata e la riduzione dello stress possono aiutare a ridurre i sintomi dell’IBS, alcune persone possono preferire trattamenti alternativi. Va anche notato che a volte i medici prescrivono solo farmaci che mirano a sintomi specifici, e possono anche causare effetti collaterali.

Questo è il motivo per cui molte persone si chiedono se il CBD può aiutarle con la loro malattia dell’intestino irritabile. Poiché abbiamo recettori di cannabinoidi in tutto il corpo, è possibile che l’uso dell’olio di CBD possa aiutare con i sintomi digestivi. Questo è evidenziato da uno studio del 2016 sulla carenza clinica di endocannabinoidi.

Sono state anche condotte ricerche sui cannabinoidi che dimostrano le loro proprietà antinfiammatorie. Pertanto, questo potrebbe rendere il CBD un trattamento per i disturbi gastrointestinali come la sindrome dell’intestino irritabile.

Una ricerca condotta nel 2020 rivela che il cannabidiolo CBD può anche offrire benefici terapeutici per condizioni come l’IBS. Nonostante tutto questo, non ci sono ancora abbastanza prove per stabilire con certezza che il CBD possa aiutare nel trattamento della sindrome dell’intestino irritabile.

infiammazione intestinale

Quale tipo di cannabidiolo CBD è migliore per trattare la sindrome dell'intestino irritabile?

Non è stata fatta alcuna ricerca specifica per dirci quale tipo di CBD sia migliore per il trattamento dell’IBS. Tuttavia, sembra che usare THC e CBD allo stesso tempo possa essere più efficace che usarli separatamente.

Sulla base di quanto sopra, i prodotti CBD che hanno uno spettro più ampio possono essere più efficaci nell’alleviare i sintomi associati senza la sindrome dell’intestino irritabile. In termini di tipo di prodotto, il CBD topico non sarebbe particolarmente utile per trattare i sintomi. Per questo motivo è meglio usare le gomme CBD o gli oli CBD.

cbd intestino irritabile

CBD per la sindrome dell’intestino irritabile: qual è la dose giusta?

Se si decide di provare il cannabidiolo come trattamento per la sindrome dell’intestino irritabile, il dosaggio è qualcosa da tenere a mente. Poiché non ci sono abbastanza informazioni su questo, è meglio iniziare con una bassa dose di CBD per vedere come funziona.

Non dimenticare che a seconda del tipo di CBD che stai usando, puoi sperimentare effetti diversi, e anche il tempo di assorbimento può variare. Pertanto, è sempre meglio iniziare con una piccola dose e salire gradualmente per vedere se i sintomi migliorano o se non ci sono cambiamenti positivi.

Inoltre, non dimenticate che gli effetti del CBD possono richiedere fino a un paio d’ore per apparire. La nostra raccomandazione è di prendere una dose più alta solo quando sono passate 2 ore, e non hai sperimentato un effetto positivo o effetti collaterali avversi.

In ogni caso, non dimenticate di consultare prima il vostro medico specialista, perché potrebbe essere in grado di consigliarvi il dosaggio più appropriato.

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Suscríbete y recibe un
10%DE DESCUENTO

Suscríbete y recibe un

10%DE DESCUENTO

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente un código descuento de un 10% para tu próxima compra

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra