I cannabinoidi possono trattare le malattie renali?

Poiché il cannabidiolo CBD ha così tante proprietà e benefici, molte persone si stanno chiedendo se i cannabinoidi possono trattare le malattie renali. Tuttavia, i regolatori federali hanno da tempo classificato la cannabis come un pericoloso narcotico.

La realtà è che questa pianta ha un valore medicinale per i pazienti con malattie renali croniche. Infatti, la cannabis fu usata per la prima volta come medicina popolare in Cina nel 1900 a.C. Anche gli egiziani la usavano per trattare il glaucoma, le infiammazioni e i clisteri, e una bevanda fatta con la cannabis. In India per esempio, un latte chiamato bhang era usato come anestetico intorno al 1000 a.C.

Malattie renali e cannabis

La malattia renale è nota per essere una delle principali cause di morte nel mondo, colpendo 800 milioni di persone. I medici spesso prescrivono oppioidi per aiutare i pazienti a gestire il dolore, ma la cannabis può essere un’alternativa più sicura. Cioè, sia il THC che il CBD possono aiutare con certe condizioni dei reni, secondo le ricerche in corso.

Nonostante il duro lavoro che i nostri reni fanno per noi, pulendo il nostro sangue, rimuovendo le tossine e i prodotti di scarto, raramente pensiamo a loro. La maggior parte delle persone non lo sa, ma le malattie renali sono causate da problemi genetici, incidenti, alcuni farmaci e altri fattori che impediscono ai reni di funzionare correttamente.

La malattia renale cronica e il danno renale acuto sono due complicazioni renali comuni. Tuttavia, infezioni, cisti, calcoli e cancro sono anche comuni. La dialisi o un trapianto di rene sono spesso necessari quando questi organi falliscono completamente.

Le malattie renali sono la nona causa di morte negli Stati Uniti. Di conseguenza, i reni e la loro funzione sono al centro di molte ricerche mediche.

La cannabis può essere un’alternativa più sicura ai farmaci antinfiammatori e agli oppioidi per alleviare il dolore della malattia renale cronica, secondo una ricerca. Inoltre, una migliore comprensione degli effetti dei cannabinoidi sul sistema renale potrebbe portare allo sviluppo di nuovi farmaci che trattano i sintomi delle malattie renali con meno effetti collaterali.

Si può raggiungere un punto in cui il rene si rigenera e comincia a funzionare di nuovo correttamente.

rene di cannabis

Come sono collegati i reni e il sistema urinario?

I reni, gli ureteri, la vescica e l’uretra sono i componenti principali del sistema urinario. Questo sistema aiuta il corpo a ridurre i rifiuti, regola il volume del sangue e la pressione sanguigna, controlla gli elettroliti e i metaboliti e controlla l’acidità del sangue.

La circolazione del sangue nei reni è molto forte e all’interno dei reni ci sono molte piccole strutture chiamate nefroni che filtrano il nostro sangue al ritmo di mezza tazza al minuto. Come risultato di questa sana filtrazione, l’urina viene prodotta e passa nella vescica per essere immagazzinata temporaneamente.

Solo una piccola parte del sangue filtrato viene escreta come urina. A sua volta, l’acqua purificata, insieme ad altre sostanze utili, viene restituita al flusso sanguigno. I reni poi filtrano le tossine dal nostro sangue e mantengono un sano equilibrio di acqua e minerali come sodio, calcio, fosforo e potassio nel corpo.

Infine, i reni producono ormoni che regolano la pressione sanguigna, aiutano lo sviluppo dei globuli rossi e contribuiscono all’assorbimento della vitamina D. Inoltre, i nefroni sono l’obiettivo principale della maggior parte delle malattie renali. Il danno renale acuto, per esempio, è caratterizzato da una perdita improvvisa della funzione renale che si verifica in pochi giorni.

In caso di acidosi, eccesso di potassio, uremia ed effetti potenzialmente pericolosi su altri organi sono tutte complicazioni di questa malattia. La cosa più preoccupante è che dopo una grave lesione renale, il tasso di mortalità rimane alto.

Nella malattia renale cronica, il gonfiore delle gambe, il vomito, la perdita di appetito e anche la confusione mentale sono sintomi comuni.

cananbinoidi malattie renali

I cannabinoidi possono essere usati per trattare le malattie renali?

I recettori dei cannabinoidi CB1 e CB2 si trovano in una varietà di tessuti e organi, compresi i reni. Il sistema endocannabinoide controlla le vie di segnalazione cellulare che sono fondamentali per mantenere l’omeostasi energetica.

In base al tipo di malattia renale, alla dose e ad altri fattori, gli studi sperimentali suggeriscono che i cannabinoidi possono avere sia effetti benefici che dannosi sui reni.

Il ruolo del sistema endocannabinoide nello sviluppo delle condizioni dei reni, o nel processo di guarigione, non è ancora completamente compreso. Nella malattia renale cronica, tuttavia, la produzione squilibrata di endocannabinoidi sembra giocare un ruolo importante. Per inciso, un tale squilibrio è in qualche modo simile a ciò che accade nell’obesità e nel diabete di tipo II.

cbd rene

Vale la pena ricordare che in una ricerca pubblicata su The American Journal of Medicine, sono stati testati i livelli di abumin nelle urine, che è un marcatore di malattie renali. I risultati non hanno rivelato alcuna associazione tra l’uso attuale o passato di cannabis e la compromissione della funzione renale.

Mentre questo può essere promettente, è importante notare i risultati di un altro studio della Icahn Mount Sinai School of Medicine di New York. Lo studio suggerisce che nei pazienti con malattia renale cronica, le funzioni renali diminuiscono più velocemente rispetto a quelli che non usano cannabis.

tchv

Conclusione

Il THCV è un cannabinoide minore che è presente in alte concentrazioni in rare varietà di cannabis. Può bloccare leggermente il recettore CB1, mentre attiva il recettore CB2.

Questo può essere utile per le persone con malattie renali. Tuttavia, non dobbiamo perdere di vista il fatto che il rene funziona in modo complicato. Cioè, quando THCV e CBD sono mescolati, possono interferire l’uno con l’altro e limitare i loro benefici per la salute.

Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se i cannabinoidi possono trattare in modo sicuro le malattie renali.

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

0
Tu compra
Abrir chat