Tolleranza al CBD

Se ti sembra che il tuo olio di CBD non funzioni come previsto, è probabile che la colpa sia del dosaggio che stai usando. Forse avete inconsapevolmente sviluppato una tolleranza al CBD, e quindi i suoi benefici non hanno effetto sul vostro corpo. Altre variabili, come la bassa qualità del prodotto, o il modo in cui stai prendendo il CBD, potrebbero anche essere un fattore.

La verità è che la maggior parte di noi guadagna l’immunità ai composti sintetici o vegetali man mano che li integriamo nel nostro corpo. Di conseguenza, possono essere necessarie dosi più elevate per ottenere l’effetto desiderato. Tuttavia, c’è anche la possibilità che il CBD possa portare a quella che è conosciuta come tolleranza inversa.

CBD e tolleranza: il CBD può generare tolleranza inversa?

Infatti, alcuni studi hanno rivelato che il cannabinoide estratto dalla cannabis, può generare una tolleranza inversa. Cioè, a differenza del THC, che regola il sistema endocannabinoide, il CBD ha la capacità di aumentare il livello degli endocannabinoidi.

Questo significa che nel tempo, il tuo corpo potrebbe aver bisogno di dosi sempre più basse di CBD per sperimentare gli stessi risultati. Purtroppo non ci sono ricerche conclusive su questo, quindi non è possibile dire con certezza che il CBD produce tolleranza inversa.

CBD grandi dosi

Posso consumare alte dosi di CBD?

D’altra parte, è stato dimostrato che il CBD è sano in grandi dosi e non causa rischi per la salute. Tuttavia, nulla di tutto ciò suggerisce che se si prende troppo cannabinoide, non ci si sente a disagio. In effetti, qualsiasi farmaco che colpisce l’umore ha il potenziale di produrre effetti collaterali dannosi. E alcuni di questi effetti sono molto più gravi di altri.

Ecco alcuni effetti collaterali del consumo di alte dosi di CBD:

  • Fatica
  • Bocca secca
  • Perdita di appetito
  • Bassa pressione sanguigna
  • nausea e vomito
  • Diarrea

La buona notizia è che gli effetti dell’assunzione di così tanto CBD svaniscono entro 2 o 3 ore dopo che il corpo elimina la sostanza. Per evitare qualsiasi dolore, si raccomanda di iniziare con dosi più basse e aumentare gradualmente fino a raggiungere i risultati desiderati.

Non dimenticate di tenere a mente che quando il CBD è mescolato con altre droghe, può avere conseguenze sfavorevoli. Pertanto, si dovrebbe sempre consultare il medico prima di usare l’olio di CBD per trattare una specifica malattia.

5 motivi per cui si può costruire una tolleranza al CBD

La tolleranza al CBD, o il motivo per cui questo cannabinoide non funziona per te, può essere il risultato di diversi fattori. I più rilevanti sono dettagliati qui sotto:

Stai usando oli CBD di bassa qualità

L’industria del CBD è ancora in gran parte non regolamentata. Sfortunatamente, diverse aziende stanno commercializzando un falso olio di CBD con pochissimo cannabinoide. Potrebbero anche estrarre il CBD da fonti di canapa contaminate.

Pertanto, ti consigliamo di controllare i test di laboratorio di terzi e leggere le recensioni degli utenti online, prima di acquistare CBD. Per garantire la qualità, le marche rispettabili inviano campioni dei loro prodotti a laboratori terzi indipendenti.

L’obiettivo è assicurare che il materiale CBD nel test sia correlato al contenuto della bottiglia. Anche che l’estratto sia privo di contaminanti, che potrebbero rendere il CBD inefficace o dannoso.

 

tolleranza al cbd

Non conosci il corretto dosaggio di CBD

Se è la prima volta che usi il CBD e non stai ottenendo i risultati che ti aspetti, forse non stai usando il dosaggio corretto. La parte difficile del dosaggio è che il corpo di ognuno reagisce in modo diverso al CBD. Fattori come la genetica, la conoscenza del CBD, il metabolismo, così come le condizioni di salute giocano un ruolo importante nel decidere il dosaggio ottimale.

Come menzionato sopra, è meglio iniziare in piccolo e aumentare gradualmente il dosaggio nel corso di alcuni giorni. È anche una buona idea tenere traccia di quanto CBD stai consumando. Quindi assicurati di tenere traccia delle tue dosi in un quaderno.

 

tolleranza al cbd

Dovresti usare l'olio di CBD costantemente

Mentre il CBD ha dimostrato di avere una varietà di benefici per la salute, non è una soluzione unica per tutti. La gente spesso compra l’olio di CBD nell’errata convinzione che fornisca un immediato sollievo dal dolore, ma questo non è il caso.

Oltre a decidere il giusto dosaggio per te, potrebbero essere necessari alcuni giorni o addirittura settimane prima di notare i benefici. Inoltre, il CBD ha difficoltà a legarsi ai recettori che innescano una risposta immediata.

Pertanto, si consiglia di prendere il CBD allo stesso tempo ogni giorno con le vitamine per sostenere la salute generale. Puoi anche prenderlo un’ora prima di andare a letto come parte della tua routine di rilassamento se stai cercando di migliorare la qualità del tuo sonno.

Stai usando il prodotto CBD sbagliato

I recettori dei cannabinoidi sono presenti in tutto il corpo, permettendo al CBD di essere assorbito in varie forme, tra cui oli, compresse, spray, caramelle e prodotti per la cura della pelle.

I risultati che vuoi ottenere dal CBD, d’altra parte, variano a seconda del prodotto CBD che scegli. Lozioni e unguenti, per esempio, possono alleviare i dolori muscolari localizzati, ma non avranno alcun effetto sul processo digestivo.

Di conseguenza, assicuratevi di usare il prodotto CBD giusto per la condizione che volete trattare.

sviluppare la tolleranza al cbd

Hai sviluppato una tolleranza al CBD

Se trovi che il tuo prodotto CBD non funziona bene come prima, potresti aver sviluppato una tolleranza al CBD.

Le persone che hanno usato il CBD per molto tempo hanno maggiori probabilità di sviluppare la tolleranza al CBD e quindi hanno bisogno di dosi più elevate per ottenere lo stesso grado di effetto. Di conseguenza, l’uso del CBD può essere molto costoso se si sviluppa un’alta tolleranza.

In questi casi si raccomanda di fare una pausa dal CBD, perché questo può abbassare la soglia di tolleranza.

Si può costruire una tolleranza al CBD?

Quando una persona sviluppa una tolleranza a qualcosa, significa che ha bisogno di consumarne di più per ottenere gli stessi risultati. Questa è una caratteristica dei consumatori di THC, specialmente dopo un lungo periodo di utilizzo. Tuttavia, si può costruire una tolleranza al CBD? Siamo convinti che siano necessarie ulteriori ricerche per fornire una risposta definitiva.

IlCBD non sviluppa tolleranza, secondo le poche ricerche che sono state fatte sull’argomento. Tuttavia, spesso sentiamo da utenti di CBD che riferiscono che i benefici dei loro prodotti sono diminuiti nel tempo.

Cosa può creare tolleranza al THC?

I recettori CB1 dei cannabinoidi nel cervello si desensibilizzano dopo essere stati attivati ripetutamente. Questo è ciò che porta alla tolleranza al THC. In altre parole, quando tale stimolazione si verifica regolarmente, il corpo può lavorare per ridurre la loro disponibilità o desensibilizzare per mitigare l’aumento di attività. Di conseguenza, l’utente deve aumentare il suo dosaggio di THC per ottenere gli stessi risultati.

Ma è importante essere chiari che per sviluppare la tolleranza al THC, la quantità di tempo è un fattore determinante, che varia da persona a persona. Frequenza d’uso, dosaggio, storia d’uso e chimica corporea individuale sono tutte variabili da considerare.

tolleranza al cbd

Cause della tolleranza al CBD

Per prima cosa dobbiamo notare che il CBD ha un effetto diverso dal THC. Il CBD agisce in modo opposto, riducendo l’affinità di legame dei recettori CB1 piuttosto che legarsi direttamente ad essi. Altri cannabinoidi, come il THC, non possono più legarsi completamente ai recettori CB1, riducendone gli effetti.

Di conseguenza, il CBD è spesso combinato con il THC per mitigare i suoi effetti e persino invertire lo “sballo” quando diventa eccessivo. Infatti, il CBD è spesso usato per accelerare la fase di svolta della tolleranza al THC.

Il CBD, d’altra parte, interagisce con il sistema endocannabinoide, quindi è ragionevole che l’uso ripetuto di CBD desensibilizzi i recettori dei cannabinoidi. La tolleranza al CBD può crescere, come indicato da alcuni utenti regolari.

Come ripristinare la tolleranza al CBD?

Se sei stato un utilizzatore regolare di CBD e scopri che non funziona più come prima, potresti aver bisogno di aumentare la tua tolleranza al CBD. Il crollo della tolleranza è comune tra i consumatori di THC. Il suo obiettivo è di permettere ai recettori dei cannabinoidi di “resettarsi”.

Stiamo parlando, ovviamente, di interrompere il consumo di CBD per un paio di giorni. Il tempo necessario per ripristinare la tolleranza varia di solito da due giorni a una settimana. Pertanto, può essere sufficiente evitare temporaneamente l’uso di prodotti CBD per almeno due giorni.

Si raccomanda anche di iniziare con una dose più bassa di quella che si assumeva in precedenza quando si riprende il consumo di CBD. Questo è dovuto al fatto che il riavvio avrà un effetto sulla dose più appropriata.

Se questo non funziona, prova ad aumentare la dose. Se state usando un prodotto a spettro completo, considerate di passare a un altro metodo di consumo. Tieni presente che nei prodotti a spettro completo, c’è molto di più del solo CBD, che potrebbe influire sulla tua tolleranza.

Probabilmente è meglio avere una lista di oggetti che si possono ruotare per mantenere l’efficacia del CBD.

tolleranza inversa

Cos’è la tolleranza inversa?

È probabile che tu stia sviluppando una “tolleranza inversa” se inizi ad avere effetti collaterali spiacevoli con un prodotto CBD che inizialmente funzionava bene. Quello che succede è che con il passare del tempo, avrete bisogno di meno materiale per sperimentare gli stessi risultati.

Questo si basa sulla premessa che i tuoi recettori di cannabinoidi diventano ancora più potenti di quanto dovrebbero. Per contrastare questo, riduci gradualmente la tua dose regolare di CBD prima di continuare a riceverne i benefici. L’uso iniziale è chiamato “dose di carico”, mentre un livello inferiore continuato è chiamato dose terapeutica di mantenimento.

Se non si sperimentano più i benefici, potrebbe essere necessario fare una pausa di tolleranza, cambiare farmaco o aumentare la dose.

tolleranza chimica

Tolleranza inversa e tolleranza chimica

È facile rimanere sorpresi quando si legge dei potenziali benefici del cannabidiolo, in particolare quando si tratta della sua capacità di prevenire la crescita della tolleranza.

La verità è che sviluppare la tolleranza al CBD è un processo completamente diverso dallo sviluppo della tolleranza al THC. I consumatori di CBD sviluppano quella che è conosciuta come tolleranza inversa piuttosto che tolleranza chimica.

Nel caso della tolleranza inversa, l’uso continuato del CBD porta a richiedere una dose sempre più piccola per ottenere gli stessi effetti nel tempo. I composti presenti nelle piante di cannabis e canapa interagiscono con il sistema endocannabinoide attraverso il legame con i recettori endocannabinoidi.

Il CBD promuove un aumento dell’attività di queste cellule recettoriali, mentre il THC riduce l’efficacia di questi recettori con l’uso regolare e nel tempo. Questo significa che i consumatori di CBD non sperimenteranno una rottura della relazione del cannabidiolo con il sistema endocannabinoide, permettendogli di rimanere attivo senza ridurre la propria efficacia.

Molti utilizzatori di CBD hanno indicato che, con il passare del tempo, hanno bisogno di usare dosi più basse per sperimentare gli effetti desiderati. Alla luce di questo, il CBD può essere benefico per coloro che sono interessati a incorporarlo nella loro vita quotidiana.

tolleranza al cbd

Conclusione

Sono necessarie più ricerche su tutti gli aspetti del CBD. Dato che le aziende e altre organizzazioni sono disposte a impegnarsi in ulteriori ricerche per sostenere questi argomenti, la crescita e lo sviluppo dell’industria dovrebbe essere una buona cosa per sostenere i risultati.

Tuttavia, come con qualsiasi nuovo integratore dietetico, dovresti fare attenzione quando inizi il tuo regime di CBD. Inoltre, mentre il tuo dosaggio di CBD può cambiare nel tempo, può interferire con altri farmaci che stai prendendo per trattare condizioni specifiche. Quindi, fate le cose con calma e se avete qualche preoccupazione per la vostra salute, non esitate a consultare il vostro medico.

Articoli correlati

Overdose di CBD

Se siete consumatori abituali di cannabidiolo, vi sarete chiesti se è possibile un’overdose di CBD, ve lo spieghiamo qui!

leggi tutto

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Te facilitamos una guía de uso gratuita
La enviamos al mail gratuitamente

Te facilitamos una guía de uso gratuita

La enviamos al mail gratuitamente

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente una guía de uso de nuestros aceites

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra
Abrir chat
Preguntas a Higea CBD
Haciendo clic en aceptar. Acepta que Higea CBD tenga el contacto con usted.