Come interagisce la cannabis con i trattamenti mentali?

La relazione tra CBD e salute mentale ha portato gli scienziati a chiedersi: come interagisce la cannabis con i trattamenti mentali? Questo è importante perché gli psichiatri e altri professionisti della salute comportamentale hanno bisogno di saperne di più sulla connessione tra marijuana e malattia mentale.

In questo modo saranno in grado di adattarsi al crescente uso di cannabis medica e ricreativa da parte dei loro pazienti. Molti paesi permettono già l’uso di marijuana medica, e alcuni hanno anche legalizzato l’uso personale o ricreativo della marijuana da parte degli adulti.

La comprensione scientifica della cannabis medica, del sistema endocannabinoide e della farmacologia dei cannabinoidi sta diventando sempre più importante.

Cannabis nei trattamenti mentali

La comunità psichiatrica spesso scoraggia l’uso della cannabis, mentre alcuni possono prescriverla o approvarla come terapia aggiuntiva per pazienti con sintomi specifici.

Ci sono molte ricerche a sostegno dei rapporti secondo cui la cannabis può alleviare alcuni dei vostri sintomi. Per altri pazienti, l’uso di cannabis a lungo termine può aver preceduto l’inizio della malattia psicotica, per cui l’uso di cannabis può essere visto come una causa continua che esacerba i sintomi della malattia mentale.

Secondo lo studio della National Academy, ci sono prove significative di una relazione statistica tra il consumo di cannabis e lo sviluppo della schizofrenia o di altre psicosi, con il rischio più alto tra i consumatori regolari.

D’altra parte, l’aumento del rischio è una conseguenza minore e gli effetti causali di questa connessione sono sconosciuti. Mentre l’uso di cannabis può peggiorare la psicosi in alcuni pazienti, è possibile che l’uso di cannabis per alleviare i sintomi possa spiegare parte della correlazione statistica.

cbd thc schizofrenia

Schizofrenia, CBD e THC

È stato dimostrato che il CBD molecolare è in grado di trattare i sintomi della schizofrenia, con risultati paragonabili al trattamento con un farmaco antipsicotico approvato. Ha anche mostrato una storia di effetti avversi favorevoli. Altre ricerche sostengono l’idea che il CBD dovrebbe essere usato come antipsicotico. Può anche contrastare o compensare gli effetti psicotomimetici del THC.

Si è parlato molto anche di clonazepam e marijuana. I medici indicano che combinare l’uso di cannabis e clonazepam può portare all’arresto respiratorio. Questo perché entrambi hanno un effetto sedativo, che genera una depressione respiratoria.

D’altra parte, nonostante le differenze tra THC e CBD, i pazienti con schizofrenia che avevano precedentemente sperimentato un sollievo dei sintomi dalla cannabis sono stati trattati con basse dosi di THC.

Il THC è stato prescritto a regimi che includevano la clozapina in alcuni casi o antipsicotici multipli. Con l’aggiunta del THC al loro regime, i pazienti hanno mostrato un miglioramento, anche se altri hanno sperimentato un effetto antipsicotico specifico.

Il dosaggio può essere essenziale nella relazione tra THC e psicosi, così come nella capacità ansiolitica del THC.

Cannabis e prestazioni cognitive

Ci sono anche ricerche che mostrano una relazione statistica tra l’uso di cannabis e il miglioramento delle prestazioni cognitive. Questo è principalmente nelle persone che sperimentano disturbi psicotici, e che hanno una storia di uso di marijuana.

Più in generale. C’è evidenza tra l’uso acuto di cannabis e la compromissione del dominio cognitivo dell’apprendimento, così come della memoria e della concentrazione. Sia con le prestazioni cognitive che con il rischio di psicosi, il dosaggio può essere un fattore chiave.

Soprattutto perché le prove di compromissione sono principalmente legate all’uso pesante e a lungo termine, in particolare nelle persone che hanno una storia di disturbo da uso di marijuana.

cbd malattia mentale

Cannabis e demenza

Finora, l’evidenza scientifica indica che la cannabis può sopprimere l’eccitotossicità neuronale, così come la neuroinfiammazione, e persino essere utile nel combattere la placca nel morbo di Alzheimer.

Nonostante questo, i cannabinoidi nei pazienti affetti da demenza sono stati utilizzati solo per trattare i disturbi del comportamento. Questo include sia l’agitazione, il rifiuto del cibo e l’irritabilità.

Gli scienziati ritengono che coloro che hanno un disturbo da uso di marijuana possono avere un rischio maggiore di malattia di Alzheimer. Per il momento, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare le possibili applicazioni terapeutiche della cannabis nella demenza. Anche se l’uso pesante di marijuana è un potenziale fattore di rischio.

cbd depresione

CBD e depressione

Si è cercato anche l’antidepressivo sertralina, come farmaco per trattare la depressione. Tuttavia, ora si sa che il CBD può aiutare ad alleviare i sintomi della depressione interagendo con i recettori della serotonina nel cervello.

Questo è importante perché la serotonina è un neurotrasmettitore che gioca un ruolo chiave in una serie di funzioni nel corpo. Per esempio, può regolare l’umore e generare sentimenti di felicità e benessere.

Questo potrebbe portare al fatto che invece di usare la sertralina atenix, le persone con la depressione potrebbero voler usare il CBD. Le persone che hanno questo tipo di problema hanno spesso problemi ad addormentarsi. Questo è il motivo per cui si usa l’aloperidolo come sonnifero.

Alcune persone usano Lexapro anche per affrontare la loro depressione e il disturbo d’ansia generalizzato. Ma è importante notare le controindicazioni lexapro, come con tutti i farmaci antidepressivi.

trattamenti mentali cannabis

Conclusione

In questa discussione su come la cannabis interagisce con i trattamenti mentali, è importante considerare la comunicazione tra paziente e psichiatra. Cioè, i pazienti psichiatrici possono usare la cannabis per migliorare i loro sintomi.

Se sei in trattamento psichiatrico attivo, potresti già prendere altri farmaci. Gli psichiatri dovrebbero essere interessati all’uso di marijuana dei loro pazienti.

Questo per essere attenti ai potenziali effetti avversi, così come alle possibili interazioni farmacologiche. La verità è che i pazienti possono essere colpiti, non solo dalla loro malattia mentale, ma anche dall’uso di marijuana.

Questo è il motivo per cui è fondamentale discutere apertamente dell’uso di cannabis con lo psichiatra. Soprattutto se il medico è ricettivo a conoscere i benefici del CBD.

Articoli correlati

Sertralina

Sertralina

La sertralina definisce una serie di disturbi, come ansia, attacchi di panico e depressione In che modo il CBD è correlato?

leggi tutto
Overdose di CBD

Overdose di CBD

Se siete consumatori abituali di cannabidiolo, vi sarete chiesti se è possibile un’overdose di CBD, ve lo spieghiamo qui!

leggi tutto

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Suscríbete y recibe un
10%DE DESCUENTO

Suscríbete y recibe un

10%DE DESCUENTO

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente un código descuento de un 10% para tu próxima compra

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra
Abrir chat
Preguntas a Higea CBD
Haciendo clic en aceptar. Acepta que Higea CBD tenga el contacto con usted.