Biodisponibilità e CBD

Ecco cos’è la biodisponibilità e quali sono i valori dell’olio CBD

Prima di iniziare qualsiasi trattamento basato su CBD o un altro composto dobbiamo capire come il nostro corpo reagirà alla dose che consumiamo. Uno studio approfondito della quantità che il nostro corpo assimila è essenziale per ottenere i risultati che vogliamo. Ci sono diversi fattori che rendono ogni persona bisogno di una quantità diversa della stessa sostanza e la biodisponibilità di un farmaco svolge un ruolo molto importante.

Nel primo momento definiremo alcuni termini farmacologici che ci aiuteranno in tutto il testo a comprendere molto meglio i concetti complessi che ci aiuteranno a scegliere il dosaggio ideale.

Aceite CBD 5%

29,00

(2 recensioni dei clienti)

21 disponibili

Aceite CBD 10%

54,00

(4 recensioni dei clienti)

36 disponibili

In offerta!

Aceite CBD 20%

115,20 97,00

(4 recensioni dei clienti)

16 disponibili

Aceite CBD 30%

129,95

(2 recensioni dei clienti)

19 disponibili

Farmacocinetica

La sua etimologia ci dà già un indizio su ciò che questo ramo della scienza può trattare. Da un lato “Pharmaco” ci dice che è legato alla farmacologia e “Cinetica” possiamo dedurre che ha a che fare con qualcosa che è in movimento. Infatti, Pharmacokinetics studia come i farmaci si muovono attraverso il nostro corpo, dall’entrare a lasciare il nostro corpo.

Percorso di amministrazione

Si riferisce a dove una sostanza entra nel nostro organismo. Può essere endovenoso, orale, topico, rettale, ecc…

Diana Terapeutica

È l’organismo bersaglio su cui funzionano i farmaci. Di solito sono proteine, lipidi e acidi nucleici.

Assorbimento

In Farmacocinetica, l’assorbimento del processo di penetrazione del farmaco da parte delle membrane cellulari per raggiungere il sangue è chiamato assorbimento. La somministrazione intravenosa salta direttamente il processo di assorbimento.

Distribuzione

Si riferisce a come il farmaco viaggia attraverso il sangue ai diversi tessuti del corpo.

Metabolismo

Il nostro corpo trasforma i farmaci in prodotti ottirimi per facilitarne l’eliminazione. Un farmaco che viene fornito per via orale passerà sempre attraverso il filtro metabolico che lo romperà in prodotti ottimenti e non passerà nel flusso sanguigno al 100%

Escrezione

È il processo con cui il nostro corpo finisce per rimuovere i farmaci

Concentrazione al plasma

È la quantità di farmaco che passa nel flusso sanguigno ed è disponibile per il nostro corpo.

biodisponibilità cbd

Cos'è la biodisponibilità?

In Pharmacokinetics la biodisponibilità di un farmaco fa parte dello studio dell’assorbimento ed è la percentuale e il tasso a cui il composto raggiunge il plasma nella nostra circolazione sistemica. Pertanto, se un medicinale viene consegnato per via endovenosa (IV), per definizione, la sua biodisponibilità è del 100%. Il nostro corpo avrebbe quindi il 100% del composto disponibile nel sistema circolatorio per raggiungere l’obiettivo terapeutico.

Pertanto, possiamo dedurre che per calcolare la biodisponibilità di un farmaco è essenziale differenziare le vie di somministrazione. La tabella seguente descrive in dettaglio la biodisponibilità per ogni percorso:

Biodisponibilità

curva di concentrazione plasmatica

Il modo più comune e più sicuro per prendere qualsiasi farmaco a casa è orale. Quando ingeriamo un medicinale viene assorbito dal fegato che è responsabile del passaggio nel flusso sanguigno. Tuttavia, non tutto il farmaco raggiunge la nostra circolazione sistemica, come il metabolismo del primo passo del fegato rompe alcune delle sostanze attive che non circoleranno mai attraverso il nostro corpo. Pertanto, quando vogliamo calcolare la biodisponibilità di un farmaco somministrato per via orale dovremmo anche prendere in considerazione questo effetto del metabolismo del primo passo epatico.

Alcuni composti (come il CBD che discuteremo più avanti) hanno un grande effetto di primo passo in modo somministrato per via orale non raggiungere abbastanza concentrazione di plasma per raggiungere l’obiettivo terapeutico. In questi casi si indica di cercare un percorso alternativo di amministrazione. Il modo più comune e più sicuro per prendere qualsiasi farmaco a casa è orale. Quando ingeriamo un medicinale viene assorbito dal fegato che è responsabile del passaggio nel flusso sanguigno. Tuttavia, non tutto il farmaco raggiunge la nostra circolazione sistemica, come il metabolismo del primo passo del fegato rompe alcune delle sostanze attive che non circoleranno mai attraverso il nostro corpo.

Pertanto, quando vogliamo calcolare la biodisponibilità di un farmaco somministrato per via orale dovremmo anche prendere in considerazione questo effetto del metabolismo del primo passo epatico. Alcuni composti (come il CBD che discuteremo più avanti) hanno un grande effetto di primo passo in modo somministrato per via orale non raggiungere abbastanza concentrazione di plasma per raggiungere l’obiettivo terapeutico. In questi casi si indica di cercare un percorso alternativo di amministrazione.

La somministrazione sublinguale,ad esempio, aumenta la biodisponibilità del farmaco poiché sotto la lingua abbiamo innumerevoli capillari e il tessuto è permeabile abbastanza per la sostanza di passare direttamente nel flusso sanguigno. Un paio di esempi di biodisponibilità di alcuni farmaci che conosciamo di più:

  • Ibuprofene per ora: 49-73%
  • Paracetamolo per ora: 63-89%
  • Aspirina orale: 80-100%
  • Amoxicillina per ora: 95%

Altri fattori che influenzano la biodisponibilità di un farmaco includono:

  • Età del paziente
  • Peso del paziente
  • Altre sostanze consumate contemporaneamente dal paziente
  • Malattie o disfunzioni del paziente
biodisponibilità negli alimenti

La biodisponibilità dei nutrienti negli alimenti

Studiare la biodisponibilità dei nutrienti negli alimenti è fondamentale per capire come nutrire l’intera popolazione con le risorse disponibili. Questo è il motivo per cui si stanno facendo enormi sforzi per comprendere la biodisponibilità dei nutrienti in ogni alimento e quali fattori dell’individuo possono influenzarlo.

I macronutrienti (proteine, carboidrati e grassi) raggiungono una biodisponibilità fino al 90%. Dal momento che i macronutrienti godono di una biodisponibilità così elevata, il valore biologico è data grande importanza, per esempio, preferiamo grassi insaturi ricchi di omega 3, 6 e 9 acidi e proteine che contengono la maggior quantità di aminoacidi essenziali che il nostro corpo non è in grado di sintetizzare.

Tuttavia, lo studio della biodisponibilità di micronutrienti come vitamine e minerali è molto più complicato in quanto il loro processo digestivo è più complesso e coinvolge molti più fattori che alterano la biodisponibilità di questi in ogni individuo.

biodisponibilità in cbd

Qual è la biodisponibilità dell'olio CBD? Qual è la via ottimale di somministrazione?

Molte volte guardiamo alla concentrazione di oli prima di fermarci a pensare esattamente a quanto abbiamo bisogno di trattare il nostro problema. Questo è il motivo per cui, il prossimo, proveremo a capire come il nostro corpo assorbe cbd. Ricordate che il percorso attraverso il quale lo amministriamo determinerà il suo assorbimento e la biodisponibilità.

Capsule orali

Uno dei percorsi più comuni di somministrazione è in capsule commestibili che passeranno attraverso il nostro sistema digestivo e CBD sarà assorbito dal fegato. CBD ha un effetto metabolismo del primo passo del fegato abbastanza alto, quindi il nostro fegato si decompone lasciando una biodisponibilità a partire da 4% – 20% (secondo recenti studi). Naturalmente l’industria sta cercando di rispondere a questo problema di biodisponibilità CBD per via orale e studiando emulsioni solubili in acqua che aumentano l’assorbimento e la biodisponibilità fino a quasi il 50%. Se optiamo per questo percorso di somministrazione dovremmo anche prendere in considerazione se il nostro stomaco è vuoto o pieno prima di consumare le capsule. CBD è liposolubile che se lo accompagniamo con pasti ad alto contenuto di grassi possiamo aumentare la sua biodisponibilità per via orale.

 

cannabinoidi farmacodinamici

CBD si concentra sublingualmente

La somministrazione sublinguale di qualsiasi farmaco aumenterà automaticamente la biodisponibilità del farmaco poiché le membrane mucose assorbono parte della sostanza attiva direttamente nel flusso sanguigno. Per fare questo, è necessario mantenere le goccioline di olio per 90 secondi sotto la lingua prima di ingoiarle. Con l’amministrazione sublinguale è possibile ottenere dal 12% al 35% di biodisponibilità del CBD.

Svapo e-liquido (inalazione)

Quando svapare gli oli CBD inaliamo il composto che raggiunge il nostro polmone. Gli alveoli polmonari saranno responsabili del trasporto della sostanza attiva molto rapidamente nel flusso sanguigno in modo che l’assorbimento sia quasi istantaneo e si possa ottenere una biodisponibilità superiore al 50%.

Uso topico

Ci sono innumerevoli creme e balsami con CBD come sostanza attiva. La pelle è una membrana molto densa e bassa permeabilità che influisce direttamente sull’assorbimento. È per questo motivo che se scegliamo il percorso topico per godere dei benefici del CBD dovremo guardare molto alla concentrazione di Cannabidiolo di tali prodotti. Questo è il modo migliore per lenire i dolori localizzati, strati densi di prodotto devono essere applicati sulla pelle e lasciarlo lavorare fino a quando la pelle finisce di assorbire. In ogni caso, l’applicazione di qualsiasi concentrazione di CBD sulla pelle non gli permetterà di raggiungere il flusso sanguigno in modo che la sua biodisponibilità sia zero. Ci sono cerotti CBD transdermici che vengono assorbiti nel flusso sanguigno, ma la loro esatta biodisponibilità non è ancora nota.

perché abbiamo recettori cannabinoidi

Sinergie che aumentano la biodisponibilità: Terpeni, Flavonoidi e altri cannabinoidi

Finora abbiamo parlato solo della biodisponibilità dei cannabinoidi CBD isolati. Alcuni studi dimostrano che combinando CBD con altri cannabinoidi e terpeni naturalmente presenti nella pianta di canapa aumenta la biodisponibilità del composto da uno qualsiasi dei percorsi di somministrazione.

Sul mercato possiamo trovare:

  • CBD Broad Spectrum Oil: Contiene CBD con alcuni (non tutti) dei cannabinoidi, terpeni e flavonoidi di canapa.
  • CBD Full Spectrum Oil: Contiene tutti i cannabinoidi, terpeni e flavonoidi di canapa. Per tutti gli oli Higea CBD, la concentrazione di THC è inferiore allo 0,2% che previene gli effetti psicoattivi.

Quanto tempo ci vuole per il nostro corpo per eliminare completamente CBD?

A seconda della dose e del percorso di somministrazione il nostro corpo richiederà più o meno tempo per distribuire e rimuovere IL CBD dal nostro sistema. Gli effetti possono diverse a 8 ore e la loro eliminazione completa di solito non supera una settimana.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

I nostri social network

puntohi di higea

Avviso dei consumatori

Questo prodotto non è destinato all'uso o alla vendita a persone di età inferiore ai 18 anni. Questo prodotto deve essere utilizzato solo per uso topico. Non deve essere utilizzato se si è in gravidanza o l'allattamento al seno. Parlare con un medico prima dell'uso se si dispone di una grave condizione medica o se si utilizzano farmaci di prescrizione. Si dovrebbe chiedere il consiglio di un medico prima di utilizzare qualsiasi prodotto di canapa. Queste dichiarazioni non sono state valutate dalla FDA. Questo prodotto non è destinato a diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia. Utilizzando questo sito, l'utente accetta di seguire l'Informativa sulla privacy e tutti i Termini e condizioni stampati su questo sito.

0
Tu compra
Abrir chat