GPR55: un terzo recettore dei cannabinoidi?

La capacità del recettore GPR55, ora considerato il terzo recettore dei cannabinoidi identificato nel sistema endocannabinoide umano, è stata illustrata in uno studio scientifico del 2018. Questo recettore è stato trovato per giocare un ruolo chiave nel trattamento della sindrome di Dravet, una forma rara e grave di epilessia.

Secondo l’abstract pubblicato nei Proceedings of the National Academy of Sciences, un gruppo di ricercatori dell’Università di Washington a Seattle ha visto il potenziale per“estendere lo spettro della terapia con CBD” alle attività simili all’autismo. Sarebbe così possibile fornire una prima informazione meccanicistica sulle azioni terapeutiche del CBD.

Bisogna dire che i recettori dei cannabinoidi sono molecole proteiche complesse, che interagiscono con i composti attivi della cannabis nel corpo umano, in quello che è conosciuto come il sistema endocannabinoide.

Gli scienziati hanno parlato del Recettori CB1 e CB2 dagli anni ’90. Tuttavia, la ricerca sul recettore GPR55 e il ruolo che sembra svolgere nel sistema endocannabinoide come un altro recettore speciale dei cannabinoidi è nelle sue fasi iniziali.

Le origini del terzo recettore dei cannabinoidi GPR55

Il recettore GPR55 è stato identificato per la prima volta come un “nuovo recettore dei cannabinoidi” nel 2007. Questo in uno studio condotto e pubblicato dal National Center for Biotechnology Information (NCBI). In precedenza era considerato un “recettore orfano”, il che significa che la sua esatta funzione non era stata determinata.

Negli anni successivi, si sono accumulate prove che il recettore GPR55 può essere responsabile di molti dei benefici documentati dell’uso della cannabis.

Per esempio, si è scoperto che il recettore GPR55 svolge un ruolo importante nel controllo dell’attività degli osteoclasti. Cioè, nella formazione e nella guarigione delle ossa, che è stato rivelato in uno studio del 2009 pubblicato su PNAS. Il National Center for Biotechnology Information (NCBI), ha anche pubblicato un rapporto nel 2016 indicando che ha trovato un ruolo simile nella gestione dell’infiammazione.

Non solo, una ricerca del 2015 in Frontiers in Pharmacology, ha scoperto che due recettori orfani, così come il recettore GPR55, possono essere promettenti obiettivi terapeutici. Questo perché svolgono diverse funzioni fisiologiche, che vanno dal dare sollievo ai disturbi gastrointestinali, ai disturbi ossei.

recettore dei cannabinoidi GPR55

Cosa dice la scienza sul recettore dei cannabinoidi GPR55?

È ormai noto che il recettore GPR55 è presente nel cervello e nel tratto gastrointestinale. È così chiamato perché è il numero 55 in una sequenza di recettori accoppiati alla proteina G, che comprende anche i recettori CB1 e CB2. La G sta per guanina, che è una base nucleotidica, ed è quindi considerata uno dei “mattoni” del DNA.

A causa del modo in cui questi recettori dei cannabinoidi interagiscono con le cellule, la guanina è associata a tutti loro.

Secondo Robert Sindelar, che è responsabile scientifico e direttore dello sviluppo dei prodotti per BAS Research, un produttore autorizzato di prodotti a base di cannabis con sede a Berkeley, California, il recettore dei cannabinoidi riceve la sostanza chimica e poi invia segnali a cellule come i neuroni.

Secondo Sindelar, per molti anni, il percorso degli endocannabinoidi è stato una specie di scatola chiusa, soprattutto a causa delle restrizioni sugli studi federali. Così, gli scienziati stanno cominciando a capire come questi recettori dei cannabinoidi fanno quello che fanno.

Finora, il CBD è noto per avere un effetto positivo sulle persone che soffrono di convulsioni. Tuttavia, finora non si sa con certezza cosa provochi questo fenomeno. Gli scienziati stanno recuperando ciò che l’esperienza convenzionale e i dati aneddotici hanno permesso loro di imparare sul recettore GPR55.

Il suo rapporto con la sindrome di Dravet

Sindelar si riferisce alla sindrome di Dravet, nel senso che è una condizione genetica che prima era considerata incurabile. Tuttavia, molti pazienti hanno scoperto che assumere CBD ogni giorno è la loro unica fonte di sollievo.

I ricercatori hanno scoperto il meccanismo o la modalità d’azione con cui il CBD invia un messaggio a una parte del cervello che informa un bambino con la sindrome di Dravet se avere o meno una crisi.

Poiché c’è un crescente corpo di prove che circondano il recettore GPR55, compreso uno studio del 2017 che ha scoperto il ruolo del recettore nel trattamento della sindrome di Dravet, i ricercatori sono sotto pressione per continuare a indagare il recettore GPR55. Quanto sopra come un potenziale bersaglio per il trattamento dell’epilessia, soprattutto in termini di come interagisce con il CBD.

E secondo Sindelar, tali indagini avrebbero altre implicazioni. Cioè, la ricerca sta rivelando il mistero empirico che circonda ciò che la gente osserva nella realtà o aneddoticamente.

Questo può fornire la prova necessaria per deprogrammare queste sostanze chimiche. In molti modi, tutto questo porterebbe alla fine a un cambiamento nel modo in cui i governi classificano i cannabinoidi. Un tale cambiamento permetterebbe un ulteriore studio di queste questioni. Anche la ricerca sui cannabinoidi sarebbe ammissibile al finanziamento federale.

efficacia del cbd

GPR55 potrebbe essere la chiave dell’efficacia del CBD

Il CBD è cresciuto in popolarità e accettazione negli ultimi anni come cannabinoide non psicoattivo. Inoltre, è noto per avere un’ampia varietà di applicazioni medicinali.

Le sue proprietà antitumorali, anticonvulsivanti e antinfiammatorie sono state studiate con risultati promettenti. Poiché il CBD non ha mostrato affinità per i recettori CB1 e CB2, si crede che funzioni attraverso altre vie. Tutto suggerisce che il cannabinoide è attratto dai recettori vanilloidi e dal recettore 5-HT1A.

 

neurogenesi thc cbd

Altri cannabinoidi hanno anche dimostrato di legarsi al recettore GPR55, ma in questi casi il CBD inibisce la sua funzione. Questo può spiegare alcuni dei suoi benefici medicinali.

Inoltre, si ritiene che GPR55 svolga un ruolo importante nel cancro durante le prime ricerche in vitro. Il potenziale invasivo delle cellule metastatiche e lo sviluppo di metastasi ossee in vari tipi di tumore sono legati alla segnalazione di GPR55.

La segnalazione di GPR55 è stata anche collegata alla progressione del cancro, in particolare nelle malattie linfoproliferative.

Articoli correlati

CBD per OCD

Gli effetti ansiolitici del CBD lo rendono efficace nel trattamento dei sintomi specifici dell’ansia dell’OCD Entra!

leggi tutto

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Suscríbete y recibe un
10%DE DESCUENTO

Suscríbete y recibe un

10%DE DESCUENTO

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente un código descuento de un 10% para tu próxima compra

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra