CBDA

A acido cannabinoide con potenziale terapeutico

Si’, hai letto bene, non e’ un errore di battitura. CBDA non è CBD. Come il cannabidiolo CBDA è un cannabinoide della pianta di cannabis e il suo nome scientifico è acido cannabidiolo.

Anche se il CBD è quello che ha guadagnato fama scientifica e sociale negli ultimi anni, il CBDA è il precursore del cannabinoide CBD e un grande sconosciuto! Tuttavia, da quel poco che si sa, nuove tendenze relative al CBDA stanno già cominciando ad emergere a causa dei suoi potenziali benefici sulla nostra salute. Che cos’è il CBDA e quali sono i suoi vantaggi?

Cos’è il CBDA?

Tutti i cannabinoidi contenuti nella pianta di cannabis si sviluppano prima in quello che viene chiamato “la madre di tutti i cannabinoidi”, l’acido cannabigerolico (CBGA). La sua funzione nella pianta è quella di proteggerla e di provocare la necrosi cellulare che viene potata naturalmente. In questo modo il cespuglio può massimizzare e concentrare l’energia sullo sviluppo dei fiori. Il resto dei cannabinoidi che conosciamo sono derivati dal CBGA per reazioni enzimatiche.

Gli enzimi vegetali unici di ogni varietà di cannabis stanno convertendo il CBGA in una combinazione variabile dei tre principali composti precursori dei cannabinoidi:

  • Acido tetraidrocannabinolico (THCA), acido cannabicromenico (CBCA), acido cannabidioleico (CBDA)
  • Acido cannabigerolico (CBGA), in acido cannabidioleico (CBDA), in cannabidiolo (CBD)

Una volta che il CBDA si è formato nella pianta e raccolto, possiamo convertirlo in CBD attraverso un processo di decarbossilazione termica. Il calore fa sì che la molecola perda il suo gruppo acido carbossilico e dal CBDA si ottiene il CBD.

La decarbossilazione può avvenire istantaneamente, come quando la cannabis viene accesa per essere fumata, riscaldata quando viene vaporizzata, o tramite una lenta degradazione nel tempo se il materiale vegetale viene lasciato riposare/curato a temperatura ambiente. Si può anche riscaldare la materia organica della pianta in un forno per decarbossilarla e “attivare” i cannabinoidi che conosciamo.

Nonostante l’abbondanza di cannabis grezza, i consumatori di marijuana o di canapa non consumano CBDA, poiché è convertito al CBD dalla maggior parte dei metodi di consumo più comuni. Se vuoi consumare e beneficiare del CBDA (senza trasformarlo accidentalmente in CBD), dovrai usare metodi di consumo meno convenzionali, come creme topiche, tinture o unirti alla nuova tendenza del succo di cannabis cruda.

cbda

Quali sono i potenziali vantaggi e le proprietà del CBDA?

In generale, il CBDA e le altre forme acide di cannabinoidi non sono considerati farmacologicamente attivi. Infatti, se state cercando una qualsiasi ricetta per realizzare i vostri prodotti a base di cannabis, il primo passo è sempre quello di decarbossilare la materia organica per attivare i suoi cannabinoidi e beneficiarne. Nella loro forma acida i cannabinoidi non interagiscono con
il sistema endocannabinoide
il nostro corpo nello stesso modo in cui lo fanno le loro forme decarbossilate. Questo è il motivo per cui quasi tutta la ricerca scientifica si concentra sullo studio degli effetti del CBD e del THC, piuttosto che del CBDA e del THCA.

Tuttavia, un nuovo ramo della ricerca sulla cannabis come pianta medicinale sta cominciando a sfidare questa idea “primitiva”.

 

Evidenza scientifica CBDA

Le prime ricerche e prove iniziarono nel 2008, quando i ricercatori si resero conto che la struttura molecolare del CBDA assomigliava molto a quella di altri comuni farmaci antinfiammatori non steroidei(FANS) (come l’ibuprofene). In seguito a questa scoperta, i ricercatori si sono interessati a scoprire il potenziale del CBDA per agire come agente antinfiammatorio e hanno scoperto che il CBDA mostrava esattamente lo stesso comportamento dell’inibitore COX-2 che permette ai FANS di combattere l’infiammazione.

Si ipotizza che la CBDA sia anche un potente trattamento per la nausea e l’ansia. Uno studio del 2013 condotto da scienziati di Guelph, Canada, ha rilevato che il CBDA era fino a 1000 volte più potente del CBD nel legarsi a uno specifico recettore della serotonina legato agli effetti anti-nausea e anti-ansia se somministrato in combinazione con basse dosi di farmaci antiemetici tradizionali per i pazienti oncologici sottoposti a chemioterapia.

Questi interessanti risultati mostrano un miglioramento di alcuni dei benefici del CBD, il cannabinoide che deriva dalla sua decarbossilazione.

cbd cbda

Il potenziale utilizzo del CBDA in medicina

Nonostante il suo potenziale terapeutico dimostrato negli esperimenti di cui sopra, il CBDA non è mai stato considerato un trattamento clinico valido. Nella sua forma naturale, è un composto molto instabile. Tale instabilità può essere evidenziata dal suo graduale processo di decarbossilazione a temperatura ambiente. Per questo motivo è sempre stato scartato come opzione valida per il trattamento clinico.

Una nuova ricerca del Dr. Raphael Mechoulam, lo scienziato della cannabis che per primo ha sintetizzato il THC e il CBD, potrebbe cambiare questa percezione scientifica del CBDA. Durante la conferenza CannMed 2019 in California, ha annunciato che il suo team di ricerca ha trovato un modo per trasformare la CBDA instabile in un composto più stabile che mantiene il potenziale terapeutico della CBDA.

 

che cos'è la cbda

Stabilizzazione del CBDA

La spiegazione scientifica di questa stabilizzazione del cannabinoide CBDA è la seguente: Mechoulam e il suo team di ricerca hanno lavorato per stabilizzare il CBDA convertendolo in un derivato metilico, noto come estere metilico dell’acido cannabidiolico, o HU-580. Testando il nuovo composto in un modello animale per combattere la depressione, i ricercatori hanno confermato che il composto mantiene ancora stabilmente la sua capacità di ridurre i sintomi dell’ansia. Tutti questi risultati significano che il CBDA sarebbe abbastanza stabile dal punto di vista chimico da rimanere un farmaco clinico.

In ogni caso, la scienza rimane concentrata a scoprire e dimostrare il pieno potenziale medicinale del CBD, che è il cannabinoide che ha mostrato i risultati più stabili nei numerosi esperimenti che sono stati effettuati.

cannabinoide cbda

L’olio CBD CBDA contiene?

Il modo per distruggere il CBDA e convertirlo in CBD è la decarbossilazione attraverso il riscaldamento della pianta, quindi se abbiamo a che fare con un olio il cui metodo di estrazione non ha utilizzato alcun calore per concentrare il CBD allora potremmo anche trovare CBDA. Tuttavia, questo non è comune in quanto i produttori di olio CBD cercano di concentrare i livelli massimi di cannabidiolo nei loro oli. In Higea CBD rispettiamo al massimo la pianta e i processi di estrazione extraction, quindi usiamo CO2 supercritica, quello che fa è bruciare la pianta a freddo e in questo modo riusciamo a mantenere una parte del CBDA che si aggiunge alle qualità del CBD.

Ci sono prodotti specifici e oli grezzi di CBDA. Al momento, il modo più stabile disponibile per il consumatore quotidiano per ottenere una dose di CBDA è il succo di canapa appena raccolto, una tendenza sempre più popolare nei paesi in cui l’uso della cannabis è legalizzato.

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Suscríbete y recibe un
10%DE DESCUENTO

Suscríbete y recibe un

10%DE DESCUENTO

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente un código descuento de un 10% para tu próxima compra

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra
Abrir chat