Cannabis y anorexia

Cannabis e anoressia sono due termini che sembrano non avere nulla in comune. Tuttavia, man mano che la marijuana medica viene legalizzata, si sa di più sui suoi benefici. Al di là del fatto che i cannabinoidi della pianta possono lenire il dolore, molti si chiedono se la cannabis possa essere usata per trattare l’anoressia.

È una domanda interessante, poiché una caratteristica distintiva della cannabis è che provoca la fame. Bisogna dire che l’uso di questa pianta è stato studiato come trattamento per l’anoressia legata a malattie come il cancro e l’AIDS.

Nonostante questo, ci sono pochissime ricerche sul fatto che i componenti della cannabis possano avere un effetto positivo sulle persone con anoressia. Soprattutto in coloro che soffrono del tipo più noto di anoressia: l’anoressia nervosa.

Come nasce un disturbo alimentare come l’anoressia?

I disordini alimentari non sono causati solo dal desiderio di essere magri, contrariamente alla credenza popolare. L’anoressia, la bulimia e il binge eating disorder sono geneticamente predisposti in alcune persone. Inoltre, i pensieri intrusivi che affliggono chi ne soffre sono simili a quelli che colpiscono le persone con disturbo ossessivo-compulsivo.

Due terzi delle persone con anoressia mostrano segni di un disturbo d’ansia prima che il disturbo alimentare appaia. Può trattarsi di ansia generalizzata, fobia sociale o disturbo ossessivo-compulsivo. L’anoressia è notoriamente difficile da trattare a causa di queste condizioni comorbide.

I disturbi alimentari restrittivi, come l’anoressia, possono portare a una progressiva inedia. Questo può influenzare il cervello e quindi l’intelletto. Questo rende molto più difficile trattare questi pazienti.

È importante notare che i pazienti anoressici che sono criticamente malati possono voler mangiare e recuperare. Tuttavia, possono anche sentirsi intrappolati da pensieri e comportamenti ritualistici.

La bulimia e il binge eating disorder, nel frattempo, presentano sfide diverse ma simili. Inoltre, i sintomi di questi disturbi spesso si sovrappongono a quelli dell’anoressia. Per esempio, le abbuffate possono durare per ore e portare al consumo di un gran numero di calorie. Entrambi i disturbi alimentari possono colpire persone di qualsiasi peso, comprese persone estremamente obese.

Anche se il peso corporeo non influenza la gravità della malattia, l’anoressia rimane il più letale di tutti i disturbi psichiatrici. Il tasso di mortalità dell’anoressia è stimato al 10%.

cannabis anoressia

Anoressia e sistema endocannabinoide

Come detto prima, il sistema endocannabinoide è una rete di recettori, enzimi e molecole di endocannabinoidi che mantiene il corpo in uno stato di omeostasi o equilibrio. Nel nostro corpo, i neuroni iperattivi ricevono un segnale di “calma” dai recettori CB1 nel sistema nervoso centrale.

Studi clinici suggeriscono un legame tra un sistema endocannabinoide difettoso e lo sviluppo di un disturbo alimentare come l’anoressia. Questo perché i recettori sono abbondanti nelle regioni del cervello che regolano l’assunzione di cibo.

I recettori CB1 e CB2 sono abbondanti nelle regioni del cervello che regolano la fame e controllano i comportamenti alimentari. Di conseguenza, questi recettori sono coinvolti nella regolazione dell’alimentazione e dell’equilibrio energetico.

I cannabinoidi ingeriti possono aiutare i pazienti ad alleviare l’ansia e ad aumentare o diminuire l’assunzione di cibo. Questo è dovuto al modo in cui si legano ai recettori CB1. Coloro che usano la cannabis sanno da molto tempo ciò che la scienza ora conferma: la cannabis rilassa e fa venire fame.

Quali sono i benefici della cannabis per l’anoressia?

La marijuana medica ha ricevuto poche ricerche specifiche per il trattamento dei disturbi alimentari. Nonostante questo, è spesso usato come stimolante dell’appetito in persone con altre gravi condizioni mediche. Ha il potenziale di aumentare l’appetito nelle persone che soffrono di anoressia nervosa, che spesso non sono consapevoli dei loro naturali segnali di fame.

Secondo una ricerca del 1988, fumare marijuana può aumentare l’apporto calorico di una persona fino al 40%. Quello studio ha scoperto che il THC, il principale composto chimico della marijuana, stimola il metabolismo e porta a mangiare di più sia in ambienti sociali che privati.

anoressia sistema endocannabinoide

L’aumento dell’appetito e le abitudini di spuntino possono essere utili per la perdita di peso. Anche per il recupero dal disturbo di anoressia nelle prime fasi. Si potrebbe sostenere che le proprietà calmanti, che sono spesso associate alla cannabis medica, possono aiutare con sintomi di ansia concomitanti o altri problemi più tardi nel recupero.

Altre ricerche sulla cannabis e l’anoressia nervosa suggeriscono che la regolazione disfunzionale, e gli squilibri sottostanti nel sistema endocannabinoide, sono comuni in questi disturbi alimentari. Pertanto, un trattamento derivato dai cannabinoidi può essere terapeuticamente vantaggioso.

In altre parole, questa ricerca indica che i cannabinoidi avrebbero il potenziale di correggere le carenze di cannabinoidi. Non solo, possono anche aiutare le persone con anoressia nervosa a tornare a uno stato di salute. Sfortunatamente, questa ricerca era molto piccola, quindi sono chiaramente necessarie altre ricerche.

cbd disturbi alimentari

Fattori importanti da considerare

Naturalmente, i benefici della cannabis medica sono ancora discutibili. Soprattutto quando si tratta del suo uso nei disturbi mentali. Non dobbiamo dimenticare che i disturbi alimentari spesso coesistono con l’abuso di sostanze. Pertanto, il rischio di dipendenza psicologica o fisica dalla marijuana medica è aumentato.

Inoltre, la cannabis come medicina non dovrebbe essere l’unica opzione di trattamento disponibile per un paziente. Questo, come qualsiasi altro farmaco per il trattamento dei disturbi alimentari, deve essere combinato con la terapia, la gestione della dieta e altre misure.

marijuana e anoressia

Conclusioni su Cannabis e anoressia

In definitiva è fondamentale discutere i problemi dell’anoressia con un medico specialista per determinare se la cannabis può aiutare il recupero. Bisogna anche notare che il THC ha effetti diversi su persone diverse. Pertanto, è essenziale menzionare al medico, se il disturbo alimentare sta peggiorando.

Ciò che è certo è che è possibile determinare meglio i benefici della marijuana medica nel trattamento dell’anoressia se si incoraggia un maggiore sostegno alla ricerca in questo settore.

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Suscríbete y recibe un
10%DE DESCUENTO

Suscríbete y recibe un

10%DE DESCUENTO

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente un código descuento de un 10% para tu próxima compra

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra
Abrir chat