Alzheimer y cannabinoides

5 benefici della cannabis per il trattamento dell’Alzheimer

Icannabinoidi possono trattare l’Alzheimer? Spieghiamo i 5 vantaggi che il suo uso ha per questa malattia. Si può anche dire se CBD è utilizzato per il Morbo di Parkinson.

L’Alzheimer è una malattia degenerativa del sistema nervoso centrale, che colpisce le capacità cognitive del malato, riducendo il funzionamento della loro memoria, linguaggio, comprensione e anche le capacità motorie.

Di solito si verifica in persone di età superiore ai 65 anni e, man mano che progredisce, finisce per rendere impossibile per la persona malata prendersi cura di se stesso. Tuttavia, nonostante l’aggressività e la limitazione della malattia, oggi non esiste una cura.

Tuttavia, la medicina continua a lottare per trovare alternative che offrano miglioramenti e qualità della vita ai malati, rallentando il progresso della malattia e combattendo l’imminente deterioramento.

E tra le alternative che hanno recentemente evidenziato ci sono i cannabinoidi, che hanno offerto buone aspettative per rallentare il progresso della malattia e rivendicare la piena vita dei pazienti.
Per quanto riguarda i primi 5 vantaggi che un trattamento di cannabis può offrire l’Alzheimer, parleremo oggi.

1. CBD e THC possono ridurre il declino cognitivo e ridurre le probabilità di Alzheimer

Come funzionano le reti neurali, e come funziona la biochimica del cervello, rimane un mistero.

Anche se alcuni risultati sono già stati raggiunti, è certamente più sconosciuto di quello che è noto.

E tra ciò che è noto è il fatto che ridurre il declino conoscitivo specifico dell’età può aiutare a ridurre il rischio di Alzheimer.

Per fare questo, è raccomandato da esercizio fisico e mentale, a continuare a studiare, e, naturalmente, aiutare a mantenere l’equilibrio chimico nel cervello.

In questo senso, uno dei modi per migliorare l’equilibrio biochimico, è grazie all’introduzione dei cannabinoidi; questo è il caso del THC,la cui struttura chimica assomiglia a sostanze specifiche del cervello, riuscendo a riattivare circuiti neurali endogeni.

Inoltre, CBD in combinazione con THC (purché non superi una concentrazione di 0.2%), ha riconosciuto le proprietà di deflammatory, che favorisce nei casi in cui l’Alzheimer ha già sviluppato.

E, per quanto riguarda le loro proprietà antiossidanti e neuroprotettive, stimolano la neurogenesi.

Cannabinoidi di Alzheimer

2. Piccole dosi di THC riducono la produzione beta amiloide

Le beta amiloidi sono prodotti generati dalla proteina precursore dell’amiloide (APP), le cui funzioni, sebbene ancora incerte per molti aspetti, sembrano essere correlate alla plasticità neurale (la capacità del cervello di adattarsi ai cambiamenti strutturali generati dall’ambiente), così come il funzionamento sinotico.

Ma una cosa è vera: è noto che nel caso dei pazienti affetti da Alzheimer, si accumula la beta amiloide, formando placche che distruggono il tessuto neurale.

E, alla ricerca di rispondere a questo comportamento patologico delle cellule PPP, si è deciso di studiare la sua relazione con il sistema cannabinoide del corpo, attraverso l’interazione tra THC e cellule.

I risultati hanno mostrato che il THC funziona direttamente sulla beta amiloide, riducendo gli accumuli e prevenendo la formazione di placche.

Questo ha mostrato che la partecipazione a basse dosi di questo cannabinoide, può diminuire le placche maligne presenti nel cervello con il morbo di Alzheimer.

3. La cannabis risponde all’infiammazione del morbo di Alzheimer

Oggi, è noto che l’infiammazione del tessuto neurale, è caratteristica di diverse malattie neurodegenerative, come è il caso del morbo di Alzheimer.

Infatti, si pensa che l’infiammazione iniziale che si verifica nel cervello come risposta di difesa dalla formazione di placche beta amiloidi e altre anomalie specifiche della malattia, non può che migliorare ulteriormente lo squilibrio e precipitare la presentazione dei sintomi e delle complicazioni della condizione.

Pertanto, la ricerca è stata incline a studiare i migliori farmaci antinfiammatori disponibili e, tra questi, ha evidenziato la cannabis.

Tenendo conto dell’esistenza di un sistema endocannabinoide, è noto che è gravemente alterato nel cervello di pazienti deceduti dall’Alzheimer.

Pertanto, si può concludere che o la malattia finisce per deteriorarsi questo sistema, o è il fallimento di questo sistema che porta alla progressione della malattia.

Questo ha permesso di sapere che l’introduzione di cannabinoidi, agendo come farmaci antinfiammatori, potrebbe essere una buona alternativa per diminuire questo meccanismo di emergenza ed evitare le complicazioni che precipitano.

olio di cbd alzheimer

4. La cannabis è neuroprotettiva

Avevamo menzionato a voi prima le proprietà neuroprotettive dei cannabinoidi, così come il loro potenziale antiossidante, un elemento che non può passare inosservato in una malattia come l’Alzheimer.

Questo tipo di condizione è elencato come altamente stressante a livello ossidativo e, naturalmente, direttamente correlato all’infiammazione del tessuto dalla costante vigilanza che genera.

Questa infiammazione si traduce in una diminuzione della capacità antiossidante del sistema, che è pieno di radicali liberi e proteine non occupate, come APP.

Quest’ultimo finisce per avere un impatto negativo sull’attività sinaptica del cervello, che si traduce nel deterioramento delle funzioni cognitive, come la memoria.

E, anche se non è ancora molto chiaro il ruolo che il sistema endocannabinoide può svolgere, è noto che la sua amministrazione riesce a ridurre favorevolmente lo stress ossidativo, generando un effetto neuroprotettivo sulle cellule e riuscendo ad estendere la loro capacità antiossidante molto più a lungo.

Ricordate, inoltre, che abbiamo già parlato degli stessi cannabinoidi, riducendo il comportamento patologico dell’APP.

neurogenesi cbd

5. CBD può stimolare la neurogenesi

Accoppiato con i suoi effetti di sgonfiamento, e antiossidanti, al cannabinoide CBD, è attribuita la capacità di stimolare la crescita di nuovo tessuto neurale– un processo noto come neurogenesi.

Nel caso dell’Alzheimer, si verifica una combinazione devastante di distruzione dei tessuti e arresto della neurogenesi, che finisce per annientare le possibilità del paziente di riconquistare le sue facoltà.

Pertanto, la possibilità di migliorare la capacità di crescita dei tessuti potrebbe aiutare a far fronte al deterioramento che progredisce nella malattia.

Gli studi hanno suggerito che il cannabidiolo può indurre questo processo grazie, tra le altre cose, alla sua capacità di interagire con beta amiloide e ridurre la sua reattività.

neurogenesi thc cbd

Alzheimer e Cannabinoidi: La razza continua

Considerando quanto possa essere devastante il morbo di Alzheimer, continua la corsa per alternative più e migliori, che possono offrire qualità della vita, miglioramento e persino una cura per i pazienti.

E i cannabinoidi sembrano illuminare la strada a possibili terapie che rendono la strada più facile e più facile per la vita dei pazienti.

Se avete un membro della famiglia che ha purtroppo l’Alzheimer, nel nostro negozio abbiamo i prodotti giusti.

Chiedici se hai domande e saremo lieti di assisterti.

Quali altri vantaggi pensi che la cannabis abbia rispetto all’Alzheimer?

Articoli correlati

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

1
Tu compra
Abrir chat