Ricerca sulla cannabis e il sistema immunitario

Ci sono molte ricerche sulla cannabis e il sistema immunitario. Anche la relazione tra marijuana e antibiotici è stata studiata al punto che oggi sappiamo un po’ di più sui suoi effetti sul corpo.

Inoltre, la cannabis è nota per le sue proprietà terapeutiche nel trattamento di molte condizioni mediche. I consumatori stanno diventando sempre più consapevoli del potenziale terapeutico dei cannabinoidi nel trattamento di gravi malattie autoimmuni, infiammazioni e disturbi gastrointestinali man mano che imparano di più sulla cannabis.

Ma qual è l’effetto della cannabis sul sistema immunitario nel suo complesso? Se sei un consumatore abituale di cannabis, ti sarai chiesto se essa indebolisce o rafforza il tuo sistema immunitario. È vero che l’uso cronico di cannabis rende più suscettibili alle infezioni e alle malattie contagiose?

Cannabis e sistema immunitario

Si scopre che gli scienziati non sono stati particolarmente interessati alla cannabis e al sistema immunitario in passato. Tuttavia, man mano che la nostra comprensione dell’impatto del CBD sul nostro corpo migliora, dobbiamo anche ampliare la nostra comprensione di come la cannabis influenza il sistema immunitario.

La cannabis sembra inibire l’attività del sistema immunitario, secondo recenti scoperte. Mentre questo può essere vantaggioso per le persone con malattie autoimmuni, potrebbe non essere molto buono per le persone che hanno un sistema immunitario sano.

Come funziona il sistema immunitario?

Il sistema immunitario è una delle reti più complesse del corpo umano. Fondamentalmente è un sistema complesso di cellule specializzate, sostanze chimiche endogene e organi che lavorano insieme per proteggere la salute e l’omeostasi da agenti patogeni e infezioni.

I globuli bianchi, il sistema del complemento, gli anticorpi, il sistema linfatico, la milza e il midollo osseo sono componenti attivi del sistema immunitario che combattono con successo le infezioni.

Parlando specificamente deiglobuli bianchi, essi tengono traccia di tutti i microbi che il sistema immunitario ha precedentemente eliminato. Questi registri permettono un rapido follow-up e la rimozione delle infezioni trovate in precedenza. Il sistema immunitario è anche responsabile dell’identificazione e dell’eliminazione delle cellule anormali.

Abbiamo solo una conoscenza limitata di come la cannabis interagisce con i componenti immunitari di base. Anche se sono stati fatti alcuni studi sugli effetti dei cannabinoidi sulla conta dei globuli bianchi e sul sistema linfatico, si sa molto poco su come la cannabis influenzi il timo e il sistema del complemento.

sistema endocannabinoide e sistema immunitario

Che rapporto ha la cannabis con il sistema endocannabinoide e il sistema immunitario?

Il sistema endocannabinoide (ECS) e il sistema immunitario del corpo hanno una relazione platonica per così dire. La ricerca dell’Università di Debrecen suggerisce che l’ECS è uno dei protettori del sistema immunitario, prevenendo l’insorgere di risposte infiammatorie che possono portare alla malattia. D’altra parte, l’attività delle cellule immunitarie può anche essere influenzata dal sistema endocannabinoide.

I recettori CB1 e CB2 del sistema endocannabinoide regolano gli effetti della cannabis sul sistema immunitario. Sappiamo che THC e CBD, i due cannabinoidi più comuni, hanno effetti diversi sul sistemaimmunitario a causa delle loro diverse interazioni con i recettori dei cannabinoidi. Uno studio sugli effetti della cannabis sulla salute rivela che i cannabinoidi influenzano le funzioni della maggior parte delle cellule immunitarie.

Il CBD è ora noto per sopprimere alcune risposte infiammatorie nel sistema immunitario e può causare la morte cellulare nelle cellule immunitarie, secondo uno studio pubblicato nel 2020. La morte delle cellule immunitarie non è necessariamente una cosa negativa. Infatti, è una parte naturale del ciclo di vita cellulare e può aiutare una persona a rimanere in salute riducendo le risposte infiammatorie.

Il THC, come il CBD, inibisce la funzione immunitaria e riduce le risposte infiammatorie. È stato anche dimostrato che il THC altera il ruolo delle cellule immunitarie produttrici di antimicrobici.

Quali sono gli effetti della cannabis sul sistema immunitario?

Quando gli scienziati parlano di cannabis e sistema immunitario, usano anche termini come immunomodulatore e immunosoppressore per descrivere i suoi effetti. Immunomodulazione è un termine che si riferisce a qualsiasi trattamento che altera la risposta del sistema immunitario. L’immunosoppressione, invece, è una forma di modulazione in cui la cannabis sopprime l’espressione di componenti del sistema immunitario.

È importante notare che la capacità della marijuana di sottomettere o uccidere le cellule del sistema immunitario può essere utile se il sistema immunitario si comporta male e deve essere soppresso, come indicato in questa ricerca. L’immunosoppressione non sarà benefica se questo non è il caso.

effetto immunomodulante CBD

Il CBD e il THC hanno anche un effetto immunomodulatore sul sistema linfatico intestinale umano, che è il principale ospite delle cellule immunitarie, secondo uno studio pubblicato nel 2017. Più della metà dei linfociti del nostro corpo – globuli bianchi che localizzano e uccidono cellule o sostanze estranee che hanno invaso il corpo – si trovano in tutto il sistema linfatico.

I ricercatori hanno scoperto che la combinazione di CBD e THC con i grassi ha portato a livelli straordinariamente alti di cannabinoidi nel sistema linfatico intestinale. Queste concentrazioni di CBD nelle cellule linfatiche erano 250 volte più alte che nel plasma. La concentrazione di THC nelle cellule linfatiche era 100 volte superiore a quella del plasma.

Ma cosa significa tutto questo? Fondamentalmente la cannabis può raggiungere concentrazioni più elevate nel sistema linfatico e sopprimere più efficacemente le risposte immunitarie infiammatorie dannose nelle persone con malattie autoimmuni.

marijuana e antibiotici

Marijuana e antibiotici, qual è la loro relazione?

Quando si parla di sistema immunitario, è inevitabile menzionare gli antibiotici che combattono le infezioni. Secondo un nuovo rapporto, il cannabinoide CBD aiuta nella lotta contro i batteri resistenti migliorando l’efficacia degli antibiotici. Infatti, il CBD può funzionare come un “composto ausiliario” per aumentare l’efficacia degli antibiotici.

La resistenza agli antibiotici è in aumento, quindi si stanno studiando nuovi metodi alternativi e alcuni “composti ausiliari” stanno guadagnando terreno. I composti non antibiotici che possono migliorare l’efficacia degli antibiotici sono noti come composti ausiliari. Questo è il caso degli antibiotici CBD.

cbd e antibiotici

Combinazione di CBD con antibiotici

Il CBD è stato usato nella ricerca per aumentare l’efficacia dell’antibiotico bacitracina contro i batteri Staphylococcus aureus, una causa comune di infezioni contratte nella popolazione e negli ospedali.

Cloni resistenti di questo patogeno si sono diffusi in tutto il mondo. Il trattamento delle infezioni batteriche causate da questi batteri resistenti è difficile in alcuni paesi e il problema è destinato a peggiorare.

Secondo i ricercatori, combinare il CBD con gli antibiotici può essere un trattamento promettente per combattere le infezioni causate da batteri immuni agli antibiotici.

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Suscríbete y recibe un
10%DE DESCUENTO

Suscríbete y recibe un

10%DE DESCUENTO

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente un código descuento de un 10% para tu próxima compra

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra
Abrir chat