Adenosina, sonno e CBD

In questo articolo parleremo di adenosina, sonno e CBD, in quanto sono tutti collegati tra loro. Vedremo anche cosa si intende per adenosina deaminasi e adenosina trifosfato.

Non molte persone oggi sanno cosa sia l’adenosina e quanto sia importante per la qualità del sonno. Pertanto, ora risponderemo a queste domande e analizzeremo la loro relazione con il CBD.

Cos’è l’adenosina e a cosa serve?

L’adenosina è una molecola presente in ogni cellula del nostro corpo. Interagisce rapidamente con il fosfato per generare adenosina monofosfato e adenosina trifosfato, tra le altre molecole chimiche. L’adenosina monofosfato è un farmaco usato per trattare l’herpes zoster, o infezione da herpes zoster, così come la porfiria cutanea tarda, una condizione del sangue.

L ‘adenosina trifosfato è usata per aumentare l’energia muscolare. È anche usato per trattare l’insufficienza renale acuta, l’insufficienza d’organo multipla, l’ipertensione polmonare, così come la fibrosi cistica. È persino incluso nel trattamento del cancro ai polmoni, nella perdita di peso e nel controllo della pressione sanguigna durante l’anestesia e la chirurgia.

L’adenosina trifosfato è spesso usata per i test da sforzo cardiaci. L ‘adenosina viene somministrata per via endovenosa ai pazienti per trattare il dolore chirurgico e nervoso, l’ipertensione polmonare e alcuni tipi di battiti cardiaci irregolari.

Per trattare il dolore nervoso, l’adenosina viene iniettata nella zona intorno al midollo spinale. Alcune delle condizioni trattate con l’adenosina fosfato includono:

  • Vene varicose
  • Borsite
  • Dolore e infiammazione dei tendini(tendinite)
  • Prurito
  • Sclerosi multipla
  • Neuropatia
  • Herpes zoster (infezione da herpes zoster)
  • Afte e herpes genitale (infezioni da herpes simplex)
  • Scarsa circolazione del sangue

Cos’è l’adenosina deaminasi?

È un enzima coinvolto nel metabolismo delle purine, la cui funzione principale è quella di sviluppare e mantenere il sistema immunitario nell’uomo. Nonostante questo, la scienza non comprende ancora completamente il ruolo fisiologico dell’adenosina deaminasi.

Un test dell’adenosina deaminasi viene eseguito per confermare o escludere una possibile infezione da Mycobacterium tuberculosis. Cioè, per diagnosticare la tubercolosi, ma viene anche eseguita per rilevare le informazioni in altri fluidi biologici. Questo test è anche raccomandato quando si sospetta un deficit di adenosina deaminasi.

Il test è indispensabile quando un individuo prova dolore al petto, tosse o ha difficoltà a respirare. Il campione richiesto per tale analisi è il liquido pleurico, che si ottiene con un metodo noto come “toracentesi”. A volte il campione può essere ottenuto da altri fluidi biologici.

adenosina

Come funziona l'adenosina?

L’adenosina come antiaritmico previene i ritmi cardiaci irregolari bloccando i circuiti difettosi nel cuore. Nelle persone con cancro avanzato, l’adenosina trifosfato (ATP) può contrastare le alterazioni del metabolismo energetico che portano alla perdita di peso.

L’adenosina è nota per essere efficace nel trattamento di alcuni tipi di battito cardiaco irregolare. Questo può essere attraverso un farmaco endovenoso che è disponibile solo su prescrizione.

Può anche essere utile nel trattamento della perdita di peso in persone con cancro avanzato. Nelle persone con cancro al polmone non a piccole cellule avanzato e altri tipi di cancro, l’adenosina trifosfato per via endovenosa sembra migliorare l’appetito, l’assunzione di cibo e la qualità della vita.

La cattiva circolazione provoca delle ferite, che si verificano principalmente sulle gambe e sono conosciute come ulcere da stasi venosa. La ritenzione di liquidi, il prurito, il gonfiore e il rossore causati da queste ulcere possono essere alleviati con l’adenosina monofosfato intramuscolare.

Anche se non ci sono abbastanza prove, è possibile che l’infezione da herpes zoster possa essere trattata con un’iniezione di adenosina monofosfato nel muscolo. Può anche prevenire il dolore ai nervi associato a questa infezione.

Il monofosfato intramuscolare può essere efficace nel trattamento di altri tipi di infezioni da herpes, anche se ancora una volta la ricerca è limitata.

Quali sono gli effetti collaterali?

Quando viene somministrata per iniezione da operatori sanitari qualificati, l’adenosina sembra essere sicura per la maggior parte delle persone. Se preso in grandi dosi, può causare problemi di respirazione e dolore al petto.

I possibili effetti collaterali sono:

  • Mal di testa
  • Palpitazioni cardiache
  • Bassa pressione sanguigna
  • Nausea
  • Sudorazione
  • Blush
  • Vertigini
  • Disturbi del sonno
  • Tosse e ansia
adenosina cbd

Indicazioni dell’adenosina

Ci sono alcune avvertenze e precauzioni speciali da prendere in considerazione quando si usa l’adenosina come medicinale. Per esempio, nell’allattamento e nella gravidanza, l’uso durante queste fasi non è ancora ben compreso e quindi si raccomanda di evitare.

D’altra parte, l’adenosina trifosfato può causare un aumento dei livelli di acido urico nel sangue e nelle urine. In altre parole, può portare alla gotta. La gotta causa articolazioni gonfie e tenere. L’articolazione alla base dell’alluce è più comunemente colpita.

Inoltre, l’adenosina trifosfato può causare disagio al petto e limitare il flusso di sangue al cuore. Può anche esacerbare i sintomi delle malattie cardiache, come il disagio al petto e l’infarto.

Interazione con altri medicinali

  • Dipiridamolo. Per liberarsi dell’adenosina, il corpo la scompone. Il dipirfidamolo può prevenire la degradazione dell’adenosina. Una ridotta degradazione dell’adenosina può portare a problemi cardiaci. Pertanto, se si sta prendendo Dipiridamolo, non si dovrebbe prendere adenosina.
  • Farmaci per la gotta. La gotta è causata dalla formazione di cristalli di acido urico nelle articolazioni. Come menzionato sopra, l’adenosina può aumentare i livelli di acido urico nel corpo, riducendo l’efficacia dei trattamenti della gotta.
  • Carbamazepina. L’adenosina ha la capacità di rallentare il battito cardiaco. Quando la Carbamazepina è combinata con l’adenosina, il cuore può battere troppo lentamente. Pertanto, se state prendendo Carbamazepina, evitate l’adenosina.
  • Metilxantine. Questi farmaci possono bloccare gli effetti dell’adenosina. I medici usano spesso l’adenosina per eseguire un test cardiaco. Almeno 24 ore prima di un test da sforzo cardiaco, non bere tè nero o altri alimenti contenenti caffeina. L’aminofillina, la caffeina e la teofillina sono esempi di metilxantine.
adenosina sonno cbd

Adenosina, sonno e CBD Come sono collegati?

Come già detto, l’adenosina è un tipo di molecola che si trova naturalmente in tutte le cellule del corpo. È considerato uno dei messaggeri chimici del cervello o neurotrasmettitori ed è usato per trasferire energia all’interno delle cellule producendo molecole come l’adenosina trifosfato e l’adenosina difosfato.

Si è scoperto che l’adenosina è un eccellente antidolorifico naturale, soprattutto perché ha la capacità di aprire i vasi sanguigni e aiutare a regolare il ritmo cardiaco, tra le altre cose.

La combinazione di adenina, una molecola a base di azoto, e ribosio, uno zucchero, rende possibile la produzione di adenosina nel corpo. L’adenosina è definita come una molecola di xantina e come un neurotrasmettitore. L’adenosina si trova nel DNA e nell’RNA di ogni cellula del corpo umano.

Come influisce l’adenosina sulla qualità del sonno?

L’adenosina è un neurotrasmettitore e neuromodulatore che influenza il comportamento complicato del sonno, in particolare l’inizio del sonno. Gioca un ruolo importante in molti processi metabolici.

Funziona come un neurotrasmettitore inibitorio nel cervello, il che significa che agisce come un depressore del sistema nervoso centrale. Non solo, può anche inibire molti processi associati alla veglia. I livelli di adenosina nel cervello aumentano ogni ora mentre si è svegli, e si pensa che questo sia la causa dell’aumento dei livelli di sonnolenza quando una persona rimane sveglia più a lungo.

I livelli di adenosina aumentano costantemente durante la veglia in parti del cervello critiche per stimolare l’eccitazione, in particolare il sistema di attivazione reticolare nel tronco encefalico. L’adenosina diminuisce l’eccitazione e favorisce la stanchezza in quantità elevate. Poi, durante il sonno, i livelli di adenosina scendono.

Di conseguenza, gli scienziati hanno a lungo supposto che alti livelli di adenosina siano responsabili del sonno. La caffeina, che si trova nel caffè, nel tè e in altre bevande, è una xantina chimica simile all’adenosina. La caffeina agisce per inibire il sonno bloccando l’azione dell’adenosina nel cervello, che aumenta la veglia. In altre parole, quando bevi caffeina, il tuo corpo lavora per stimolare il tuo cervello bloccando l’elaborazione dell’adenosina.

fasi del sonno adenosina

Adenosina e le fasi del sonno

Il cervello di una persona che dorme rimane attivo durante le varie fasi del sonno. Tutte queste fasi del sonno servono a diverse funzioni di riposo e ringiovanimento. La fase 1 del sonno, per esempio, rallenta la frequenza del polso e la respirazione, mentre i muscoli si rilassano e si contraggono.

La temperatura corporea scende nella fase 2 del sonno e la frequenza cardiaca e la respirazione rallentano ancora di più. Inoltre, durante questa stessa fase, il movimento degli occhi si ferma.

Durante la fase 3 si sperimenta il sonno profondo necessario per svegliarsi sentendosi ringiovaniti. La tua respirazione e la tua frequenza cardiaca sono ai livelli più bassi, e potresti trovare difficile svegliarti.

Gliocchi si muovono rapidamente durante il sonno REM e la respirazione è rapida e irregolare. Durante questa fase, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna sono simili a quelle di quando si è svegli. Quando si è in questa fase, si sogna, tuttavia, la quantità di tempo che si passa in REM diminuisce man mano che si invecchia.

Vi chiederete: come è collegata l’adenosina alle fasi del sonno? I ricercatori hanno scoperto che il tasso di metabolismo dell’adenosina sembra influenzare o determinare direttamente la qualità del sonno profondo. Può anche influenzare la vulnerabilità di una persona alla privazione del sonno.

CBD e adenosina

Il cannabidiolo CBD controlla molteplici recettori non-cannabinoidi e canali ionici. Tuttavia, ha poca affinità per uno dei due recettori dei cannabinoidi (CB1 e CB2). Funziona anche in modi non dipendenti dai recettori, come ritardare la “ricaptazione” di neurotrasmettitori endogeni come l’anandamide e l’adenosina, e stimolare o inibire l’azione legante di alcuni recettori accoppiati alle proteine G.

Inoltre, le proprietà antinfiammatorie e ansiolitiche del CBD sono in parte dovute alla sua inibizione della ricaptazione dell’adenosina. Il CBD aumenta i livelli di adenosina nel cervello ritardando la ricaptazione di questo neurotrasmettitore, che modula l’attivazione del recettore dell’adenosina.

Irecettori A1A e A2A dell’adenosina regolano il consumo di ossigeno del miocardio e il flusso sanguigno coronarico. Per questo motivo, i recettori dell’adenosina sono importanti nella funzione cardiovascolare. Inoltre, questi recettori hanno proprietà antinfiammatorie in tutto il corpo.

olio di cbd adenosina

Come influisce il CBD sul sonno?

Il crescente interesse del pubblico per i benefici della marijuana medica, in particolare il CBD, ha portato gli accademici a studiare i suoi effetti negli ultimi dieci anni. Alte dosi di CBD, secondo una ricerca preliminare, possono aiutare a dormire.

La ricerca sugli effetti terapeutici del CBD ha rivelato che una dose di CBD di 160 milligrammi da una fonte affidabile ha migliorato la durata del sonno rispetto a un placebo. I ricercatori hanno anche scoperto che il placebo, 5 mg di nitrazepam, un farmaco contro l’insonnia, e 40, 80 e 160 mg di CBD hanno aiutato i soggetti ad addormentarsi.

Il cortisolo, noto come l’ormone dello stress, di solito raggiunge i suoi picchi al mattino. Tuttavia, le persone che soffrono di insonnia possono avere alti livelli di cortisolo durante la notte. Avere alti livelli di cortisolo durante la notte può farvi svegliare più frequentemente, anche se non avete insonnia.

La buona notizia è che in uno studio sugli effetti del CBD, i ricercatori hanno scoperto che quando i soggetti hanno consumato 300 o 600 mg di olio di CBD, i loro livelli di cortisolo sono diminuiti notevolmente. Questi risultati mostrano che il CBD inibisce il rilascio di cortisolo, quindi può funzionare come un sedativo.

Articoli correlati

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Suscríbete y recibe un
10%DE DESCUENTO

Suscríbete y recibe un

10%DE DESCUENTO

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente un código descuento de un 10% para tu próxima compra

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra
Abrir chat