Spedizione gratuita su tutti gli ordini peninsulari!

Spedizione gratuita in Spagna e Portogallo!

Come funzionano gli antidepressivi?

Il ruolo del CBD nella depressione

Anche se le persone con depressione hanno preso antidepressivi per decenni, la scienza non aveva veramente capito come funzionano biologicamente – fino ad ora. Un nuovo studio sull’argomento mette in discussione tutto ciò che si sapeva in precedenza su come funzionano i farmaci antidepressivi.

Questa nuova ricerca suggerisce che gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina(SSRI), i farmaci ad azione lenta nel trattamento della depressione, e la ketamina ad azione rapida si combinano direttamente con un recettore del fattore neurotrofico derivato dal cervello(BDNF). Come risultato, promuovono la plasticità neuronale, che a sua volta allevia la depressione, ma senza l’uso di serotonina o glutammato.

Qui vediamo i risultati di questo nuovo studio su come funzionano gli antidepressivi. Parleremo anche un po’ dell’uso del cannabidiolo CBD e delle sue proprietà antidepressive.

In offerta!

Aceite CBD 5%

29,95 26,95

(3 recensioni dei clienti)

L’olio Higea CBD 5% ti aiuta a recuperare rapidamente dai tuoi allenamenti sportivi

95 disponibili

In offerta!

Aceite CBD 10%

53,00 49,00

(8 recensioni dei clienti)

Higea CBD al 10% si consiglia di prendere prima di dormire o ridurre le situazioni di stress

75 disponibili

In offerta!

Aceite CBD 20%

97,00 87,00

(7 recensioni dei clienti)

Higea CBD 20% è indicato per le persone con problemi di ansia e disturbi in corso

8 disponibili

In offerta!

Aceite CBD 30%

129,95 107,00

(6 recensioni dei clienti)

Higea CBD 30% è efficace per le persone con malattie croniche, forti dolori. È antiemetico

1 disponibili

Come funzionano gli antidepressivi? Un nuovo studio rivela la verità

La ricerca di cui stiamo parlando è uno studio internazionale pubblicato sulla rivista Cell, guidato da due neuroscienziati di nome Eero Castrén e Plino Cassaroto. È stato realizzato presso il Centro di Neuroscienze dell’Università di Helsinki in collaborazione con il Dipartimento di Fisica.

Lo scopo della ricerca era di determinare come gli antidepressivi interagiscono con un recettore BDNF noto come TrkB. In particolare, sono stati studiati i seguenti farmaci:

  • Fluoxetina-Un SSRI venduto commercialmente con il nome di Prozac.
  • Imipramina –Un antidepressivo triciclico.
  • Ketamina –Un farmaco dissociativo ad azione rapida usato come terapia rivoluzionaria per la depressione.

Inizialmente si pensava che gli effetti dei farmaci SSRI, e gli effetti degli antidepressivi triciclici, avessero origine dalla loro stessa capacità di trattenere più serotonina e noradrenalina nel cervello aumentandone i livelli nel gap sinaptico. Allo stesso modo, l’effetto antidepressivo della ketamina è stato pensato per inibire i recettori del glutammato.

Questi tre farmaci antidepressivi testati nella ricerca hanno dimostrato di interagire con il recettore TrkB. Tuttavia, lo hanno fatto senza aumentare o inibire altri neurotrasmettitori come la serotonina, la norepinefrina o il glutammato.

Vale la pena ricordare che altre ricerche hanno già identificato la relazione tra gli antidepressivi che aumentano i fattori neurotrofici. È il caso del BDNF (fattore neurotrofico derivato dal cervello), che gioca un ruolo cruciale nella regolazione della neuroplasticità.

Tuttavia, i ricercatori pensavano che i farmaci antidepressivi agissero indirettamente sul BDNF attraverso i recettori del glutammato e della serotonina. I risultati di questa ricerca hanno il potenziale per essere rivoluzionario, rivelando che gli antidepressivi effettivamente si legano direttamente ai recettori BDNF.

come funzionano gli antidepressivi

BDNF e la sua relazione con la plasticità neuronale

Per due decenni, gli scienziati sanno che i farmaci antidepressivi e l’esercizio aerobico promuovono la plasticità neuronale e la crescita di nuovi neuroni. C’è anche una ricerca sull’esercizio e il disturbo depressivo, dove è stata studiata la correlazione tra l’aumento di BDNF indotto dall’esercizio e un minor rischio di disturbo depressivo maggiore.

Inoltre, altre ricerche si sono concentrate a determinare come l’efficacia degli antidepressivi possa essere legata al BDNF. I ricercatori hanno anche determinato come un percorso molecolare legato alla proteina attivatrice 1 facilita una reazione a catena che attiva più geni, che a loro volta promuovono la plasticità neuronale.

Questo permette al cervello di invertire il danno neurologico solitamente associato alla depressione. Una cosa interessante è che dopo due o tre settimane, gli effetti rigenerativi di questi cambiamenti possono essere visti e sentiti. Gli studi hanno contribuito a spiegare perché i farmaci SSRI impiegano fino a 14 giorni per diventare attivi.

La ketamina ha un effetto antidepressivo più rapido

In ricerche precedenti si è potuto dimostrare che in un trattamento terapeutico con farmaci inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), gli antidepressivi raggiungono gradualmente un’alta concentrazione cerebrale per legarsi al recettore TrkB. Al contrario, la ketamina e l’esketamina, somministrate per via endovenosa, raggiungono il livello necessario per legare Trkb in pochi minuti.

Secondo i ricercatori, la differenza nell’insorgenza dell’azione degli SSRI e della ketamina può essere il risultato della loro diversa capacità di raggiungere la concentrazione necessaria per legarsi al recettore TrkB nel cervello. Va anche detto che la ketamina era di solito usata come anestetico, ma ora è sempre più usata come antidepressivo.

Anche se i farmaci SSRI si legano alla proteina trasportatrice della serotonina molto più avidamente che a TrkB, il legame della ketamina al recettore del glutammato e a TrkB si verifica a concentrazioni di farmaco simili.

colesterolo e antidepressivi

Il colesterolo può giocare un ruolo chiave nel funzionamento degli antidepressivi

La posizione precisa del legame degli antidepressivi nella regione transmembrana di TrkB è stata identificata attraverso la modellazione molecolare. Questa modellazione è stata effettuata da un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Fisica dell’Università di Helsinki, guidato dal professor Ilpo Vattuainen. Per verificare il sito, gli scienziati hanno eseguito studi di legame biochimico e mutazioni introdotte nel recettore TrkB.

Un altro aspetto rilevante dimostrato dalla modellazione molecolare è che la struttura di TrkB è sensibile alla concentrazione di colesterolo nella membrana cellulare. Questo è importante perché TrkB si muove in compartimenti di membrana, che sono noti per essere una ricca fonte di colesterolo, come le membrane sinaptiche. Il legame di TrkB al farmaco antidepressivo stabilizza i dimeri, che sono strutture composte da due recettori TrkB.

Quando questo accade, lo spostamento dei recettori TrkB è inibito, e allo stesso tempo la loro quantità nelle membrane delle cellule sinaptiche è aumentata. Di conseguenza, gli effetti del BDNF sono potenziati. In altre parole, i farmaci antidepressivi non attivano effettivamente TrkB direttamente. Quello che fanno in realtà è sensibilizzare il recettore agli effetti del BDNF.

Servono più ricerche su colesterolo e antidepressivi

Tutto ciò è importante perché ci sono prove che le persone che sono suicide o che si sono suicidate hanno bassi livelli di colesterolo. Il problema è che stabilire un rapporto diretto con questo è complicato. Soprattutto perché il cervello usa soprattutto il colesterolo che produce.

Inoltre, ci potrebbe essere un conflitto con le statine, che sono farmaci consumati da milioni di persone in tutto il mondo. Questi farmaci sono usati per controllare i livelli di colesterolo nel sangue. Infatti, i ricercatori si sono chiesti se le statine stavano bloccando l’effetto antidepressivo.

La ricerca è servita anche a dimostrare che quando iniettato con una dose elevata di statine, con l’obiettivo di ridurre i livelli di colesterolo nel cervello, gli antidepressivi non hanno ulteriormente aumentato la neuroplasticità. I ricercatori hanno poi analizzato studi umani in cui questo non accade perché le statine non raggiungono il cervello.

Cioè, con le dosi di statine normalmente usate negli esseri umani, questi farmaci non causano alcun problema. Per quanto riguarda i livelli di colesterolo nel sangue, gli scienziati concordano sul fatto che sono necessarie più ricerche per trovare qualche tipo di collegamento.

cbd antidepressivo

Perché alcuni antidepressivi funzionano più velocemente di altri?

Ora che i ricercatori sanno che la plasticità del cervello è fondamentale per l’azione degli antidepressivi, la domanda che sorge è perché alcuni antidepressivi funzionano più velocemente di altri? Gli scienziati sanno che molti farmaci antidepressivi convenzionali, come l’Escitalopram o la Fluoxetina, impiegano settimane per iniziare ad avere un effetto su un livello psicologicamente visibile.

Al contrario, ci sono altri farmaci antidepressivi che agiscono molto più velocemente, come la già citata ketamina. Tutto sembra indicare che si tratta di un problema legato al tempo che questi farmaci impiegano per raggiungere le concentrazioni necessarie nel cervello. Questa sarebbe la ragione per cui ci vogliono diversi giorni, e anche per cui non si può smettere di consumarli.

Nel caso di farmaci ad azione rapida, essi possono essere in grado di penetrare più facilmente la barriera emato-encefalica, fino a raggiungere la concentrazione necessaria per attivare il recettore TrkB.

ricerca antidepressiva

Punti chiave della ricerca

  • Diversi farmaci antidepressivi, come gli SSRI e la ketamina, si legano direttamente al recettore TrkB.
  • Questo legame tra i farmaci antidepressivi e il recettore TrkB facilita l’azione del BDNF, promuovendo così la plasticità neuronale.
  • Oltre a questo, la ricerca rivela che la mutazione puntiforme nella regione transmembrana del recettore TrkB blocca gli effetti dei farmaci antidepressivi.
  • Bassi livelli di colesterolo possono essere legati all’effetto degli antidepressivi. (Per ora, sono necessarie altre ricerche su questo argomento).
antidepressivi cbd a breve termine

Effetti antidepressivi a breve termine del CBD

I risultati hanno rivelato che il cannabidiolo CBD ha indotto un effetto antidepressivo dose-dipendente nei topi. Questo stesso test è stato eseguito anche sui ratti, e i risultati ottenuti sono stati simili a quelli dei topi. I ricercatori hanno anche scoperto che tutti questi effetti antidepressivi acuti, valutati dopo il test di nuoto 30 minuti dopo il trattamento, erano legati alla capacità del cannabidiolo di aumentare i livelli di BDNF.

Questi aumentati livelli di BDNF erano presenti sia nell’ippocampo che nella corteccia prefrontale dei roditori. Questo è importante perché il fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF) è un fattore cruciale per la crescita dei neuroni. Non solo, i ricercatori hanno anche scoperto che i marcatori di plasticità sinaptica, che sono indispensabili per il rimodellamento del cervello, anche sperimentato un aumento nella corteccia prefrontale del cervello.

cbd antidepressivi a lungo termine

Effetti antidepressivi a lungo termine del CBD

Per quanto riguarda gli effetti antidepressivi del cannabidiolo CBD a lungo termine, gli scienziati hanno scoperto che erano associati a un miglioramento della funzione sinaptica nella corteccia prefrontale. Questo era il test di nuoto nei topi valutato 7 giorni dopo la somministrazione della dose di CBD.

I risultati supportano la teoria che il cannabidiolo CBD estratto dalla cannabis sia effettivamente un antidepressivo ad azione rapida. Non solo, ma i suoi effetti antidepressivi sono sostenuti. In altre parole, il consumo di CBD in dosi adeguate potrebbe portare ad un’attività antidepressiva a lungo termine.

Anche se sono ovviamente necessarie altre ricerche sull’argomento, i risultati di questi studi suggeriscono che il CBD potrebbe essere un promettente trattamento terapeutico per i disturbi dell’umore, e più specificamente per la depressione.

Non dobbiamo dimenticare che il CBD è già noto per i suoi benefici per la salute in altre condizioni come il morbo di Alzheimer, il dolore cronico o le disfunzioni neurologiche. Pertanto, non sarebbe sorprendente se avesse anche un effetto positivo nel trattamento della depressione.

cbd depresione

Il ruolo del CBD nella depressione

Come menzionato sopra, le attuali opzioni di trattamento della depressione, che includono l’uso di farmaci antidepressivi, possono essere problematiche. Questo è dovuto principalmente al fatto che i pazienti devono spesso affrontare un ritardo associato ai suoi effetti. In questo senso, il CBD può avere il potenziale per essere un’alternativa efficace nella lotta contro la depressione.

Una ricerca del 2019 ha rivelato che il cannabidiolo (CBD) induce effetti simili agli antidepressivi ad azione rapida e prolungata. Tutto questo attraverso un aumento della segnalazione BDNF e della sinaptogenesi nella corteccia prefrontale del cervello. I ricercatori dell’Università di San Paolo in Brasile hanno testato gli effetti antidepressivi del CBD nei ratti e nei topi per determinare se questo cannabidiolo ha un rapido inizio d’azione.

Durante la ricerca il CBD è stato somministrato come una singola dose in una quantità che poteva essere di 7, 10, o 30 mg per chilogrammo di peso corporeo. Gli scienziati hanno poi sottoposto i roditori a un test di nuoto forzato dopo 30 minuti o fino a 7 giorni dopo aver iniziato il trattamento.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti e ricevi uno sconto del 10% sul tuo acquisto.

Suscríbete y recibe un
10%DE DESCUENTO

Suscríbete y recibe un

10%DE DESCUENTO

Sólo por suscribirte a la lista de correo, recibirás inmediatamente un código descuento de un 10% para tu próxima compra

¡Te ha suscrito correctamente! Utiliza tu código HIGEA10 para recibir el descuento

0
Tu compra
Abrir chat